Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Juve, Marotta apre la strada per Goetze e Draxler

Juve, Marotta apre la strada per Goetze e Draxler

Ballottaggio per il ruolo di trequartista: la Juve punta a un prestito. E’ braccio di ferro con Bayern e Schalke

Sullo stesso argomento

 

sabato 18 luglio 2015 08:55

TORINO - Mentre Pep Guardiola non vuole commentare l'imminente arrivo di Arturo Vidal al Bayern Monaco («Non c'è ancora alcun contratto firmato e non sono la persona giusta per parlarne»), Beppe Marotta continua ad inseguire il tanto agognato numero dieci. Oscar del Chelsea, dopo essere stato scelto tra i modelli delle nuove divise dei Blues, s'è praticamente chiamato fuori: «Quest'anno voglio giocare meglio, segnare di più e mostrare il mio miglior calcio - ha detto il brasiliano che ha raggiunto i compagni in Canada per la tournée precampionato - L'anno scorso abbiamo vinto la Premier League e la Coppa di Lega. Quest'anno voglio vincere ancora di più». Dunque il cerchio dei papabili trequartisti si restringe sempre più e, tenendo conto che Isco sembra irraggiungibile, restano Mario Götze e Julian Draxler.

LA FORMULA - Il dirigente bianconero vuole realizzare il suo sogno e quello di Allegri: portare Gözte a Torino, un giocatore che segue sin dai tempi del Borussia Dortmund. Ma il problema, oltre all'ingaggio troppo elevato (7 milioni di euro) è la formula. I tedeschi, appena volati in Cina, vorrebbero monetizzare e chiedono 40 milioni per il cartellino del protagonista del Mondiale 2014. Una cifra che andrebbe a pareggiare quella appena finita nelle casse della Vecchia Signora con l'addio del “Guerriero”, due trattative slegate. In corso Galileo Ferraris, non avendo alcuna intenzione di reinvestire tutti e 40 i milioni, stanno studiando il prestito oneroso con diritto di riscatto a proprio favore oppure la “recompra” già utilizzata per Morata: diritto di contro-riscatto per i tedeschi, a una cifra stabilita, entro due anni. In ogni caso, grazie anche all'intermediazione di Branchini, agente Fifa vicino ad entrambi i club, si sta cercando il bandolo della matassa. Ormai, come ha sentenziato quindici giorni fa il suo agente, il fantasista (che ha un contratto con il Bayern fino al 2017), è stato «distrutto» dall'inventore del TikiTaka. Costringerlo a restare sarebbe assurdo. Contribuirebbe soltanto a far precipitare il prezzo del suo cartellino. Molto meglio lasciarlo partire ed incassare una cifra molto vicina ai 45 milioni tra 24 mesi oppure riportarlo in patria dopo due campionati. Anche la situazione Draxler è lontana dallo sbloccarsi. La Juve ha incontrato gli intermediari del giocatore per intavolare il discorso ma non riesce a trovare il punto d'incontro con lo Schalke 04. Anche in questo caso la linea guida di Madama, che ha ancora dei dubbi in merito alle condizioni fisiche del giocatore dopo i problemi dello scorso anno, è il prestito con diritto di riscatto legato però al numero delle presenze. Quella dei tedeschi, invece, una cifra "cash" tra i 20 e i 25 milioni di euro. Nell'attesa Cuadrado resta in stand-by.

Leggi l'articolo completo sul Corriere dello Sport-Stadio

Per Approfondire

Commenti