Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Milinkovic, notte di tensione Lazio-Fiorentina

Milinkovic, notte di tensione Lazio-Fiorentina
© EPA

I viola in Belgio per convincere il calciatore serbo, ma Lotito non molla

Sullo stesso argomento

di Fabrizio Patania

venerdì 24 luglio 2015 09:23

ROMA - È tensione altissima tra Lazio e Fiorentina per Milinkovic Savic, il centrocampista serbo del Genk, campione del mondo under 20 corteggiato da Lotito e Della Valle. Sono le ore decisive di una trattativa estenuante, l’ennesimo duello di mercato destinato a concludersi forse oggi. Dipenderà dagli sviluppi della nottata: la Fiorentina si trovava in Belgio, pronta a chiudere l’operazione, a Formello continuavano a lavorare nel tentativo di chiudere e respingere l’assalto. Un dirigente del club viola è volato ieri in missione per convincere il giocatore e Mateja Kezman, il suo procuratore, che avrebbero espresso una preferenza per la Lazio e che proprio ieri sera si trovavano nella sede del Genk per comunicare la propria decisione. Duello apertissimo con la società biancoceleste decisa a non mollare. Era indispettita per l’inserimento della Fiorentina, non ha gradito il blitz in Belgio per provare a rovesciare la situazione, convincendo Milinkovic Savic. Il mercato ha sempre proposto situazioni di questo tipo. Lotito non intende giocare al rialzo, aveva offerto 8,5 milioni di euro più 1,5 di bonus per il cartellino, si era mosso in anticipo e aveva il gradimento del giocatore. Chissà se in queste ore avrà provato a impostare di nuovo l’offerta al Genk, che invece accetta la proposta della Fiorentina, o se invece punterà esclusivamente sulla volontà di Milinkovic-Savic, che non intende sbagliare scelta in un passaggio assai delicato della sua carriera.

ATTESA - La Lazio lo ha scoperto e trattato, il club viola si è gettato a rimorchio nell’ombra. La nottata potrebbe avere un peso determinante, anche perché si valuteranno e si peseranno in modo definitivo le volontà delle parti in causa. «Priorità alla Lazio, ho dato la parola a Tare» spiegava due giorni fa Kezman, agente di Milinkovic. È fondamentale che il giocatore e il suo agente non cambino idea, ma serviva forse anche uno sforzo supplementare per convincere il Genk.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DELLO SPORT-STADIO IN EDICOLA

Per Approfondire

Commenti