Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Un mese alla fine del mercato. Super Inter, piace il Napoli

Un mese alla fine del mercato. Super Inter, piace il Napoli

Juve, Roma e Milan tra conferme, novità e qualche dubbio

Sullo stesso argomento

di Antonio Barillà

sabato 1 agosto 2015 10:39

ROMA - Un mese alla fine del mercato, tra bilanci parziali e sogni che resistono. Eccellente il lavoro dell’Inter di Thohir, deciso a investire fidandosi del Mancio per riallacciare, dopo anni bui, il filo d’una grande tradizione. Kondogbia non è solo un derby vinto, ma un centrocampista tra i più forti e ambiti, giovane e perciò destinato ad aprire un ciclo eppure in grado d’incidere subito un’impronta. Jovetic, l’ultimo arruolato, è un talento puro, smanioso di riaffermarsi dopo il periodo opaco di Manchester, qualità aggiunta in un bell’attacco simboleggiato da Icardi il cui rinnovo vale un acquisto. Miranda e Murillo, infine, scaveranno trincee sudamericane in una difesa impreziosita anche da Montoya: esperto il primo, rampante il secondo, moderni entrambi nella fusione di eleganza e solidità. Programmati altri innesti - Perisic, Melo, Criscito o Clichy -, ma adesso è prioritaria, anche per esigenze finanziarie, la partenza dei nerazzurri estranei ai piani.

La Juventus, senza più Vidal, Pirlo e Tevez, ha perso indbbiamente in personalità e gol, ma ha saputo accaparrarsi big di caratura internazionale - Khedira, Mandzukic - e trovato intanto il coraggio di rinnovarsi e ringiovanirsi spesso mancato alle squadre vincenti: Rugani e Zaza sono già nel giro azzurro, Dybala è il futuro dell’Argentina, eppoi non ha prezzo aver blindato Pogba. Certo, il saldo cessioni-acquisti non autorizza a sostenere, al momento, che la Juve padrona della A sia più forte, ma può ancora arrivare il grande 10, il trequartista desiderato da Allegri e in cima alla lista bianconera.

Il Milan coccola le punte Bacca e Luiz Adriano - qualità, incisività, grinta - e il centrocampisra Bertolacci, chiaramente maturo per una big. Il giudizio, già positivo, è destinato a impennarsi se l’ingresso di Mr Bee dovesse sbloccare tre grandi colpi: Witsel, Romagnoli e Ibrahimovic.

A proposito di Romagnoli, la Roma farebbe bene a trattenerlo: la riduzione del gap dalla Juventus passa anche dalla conferma del gioiellino. Ai giallorossi è giusto fare i compimenti dando per scontati l’ufficialità di Salah - già giallorosso, certo, ma ancora al centro d’una diatriba Fifa - e lo sbarco di Dzeko, da un pezzo prenotato.

Piace, infine, il Napoli, ridisegnato attraverso una rivoluzione mirata, fatta di innesti non eclatanti ma utili (Allan e Valdifiori erano senz’altri due tra le più belle rivelazioni del campionato). Anche per gli azzurri, l’asticella del gudizio può alzarsi: attesi un treqartista - ma Insigne convince nel ruolo - e un difensore di peso.

Per Approfondire

Commenti