Napoli, il vero obiettivo è Marten de Roon

Asse di ferro tra i partenopei e l'Atalanta. Non solo Grassi, opzionato Sportiello, il centrocampista olandese è il chiodo fisso di Sarri
Napoli, il vero obiettivo è Marten de Roon© Getty Images
Pasquale Campopiano
TagsSerie ACalciomercatoDe Roon

NAPOLI - C'è un asse di ferro che ha preso corpo in questa sessione di calciomercato. Quello tra Napoli e Atalanta, tra Cristiano Giuntoli e Giovanni Sartori, tra De Laurentiis e Percassi. Una sinergia che ha già portato i primi frutti, con i partenopei che si sono assicurati il talentuoso centrocampista Alberto Grassi, contratto fino al 2020 (500mila euro a stagione per lui, all’Atalanta 8 milioni di euro più 2 di bonus). Ma a vederlo bene, questo connubio d'intenti calcistici ha ragioni ben più profonde: da quando Pierpaolo Marino lasciò il Napoli proprio per approdare alla Dea come operatore di mercato e da quei primi affari conclusi, vedi Cigarini, tra i due club.

DE ROON NEL MIRINO - Sulla stessa falsariga di quello che sta accadendo tra Juventus e Sassuolo, Napoli e Atalanta progettano il futuro praticamente a braccetto. Si spiega così l'attenzione che Giuntoli e De Laurentiis stanno dedicando al vero nome che Sarri ha chiesto per rinforzare il centrocampo azzurro, quello di Marten de Roon. Il talento di Zwijndrecht, 24 anni, piedi buoni, bravo a rompere e a costruire gioco, è il vero obiettivo dei partenopei. Reja ne ha fatto il perno del centrocampo orobico e l'olandese, a suon di prestazioni sta facendo lievitare la sua quotazione, che a inizio stagione sfiorava i 3,5 milioni. Quest'anno 21 presenze e 2 gol, ma soprattutto ottimi voti per il ragazzo cresciuto nell'Heerenveen allora allenato da Marco van Basten e approdato in nerazzurro la scorsa estate per 1,3 milioni.

SPOERTIELLO E CONTI OPZIONATI - Sartori si è subito precipitato a definire "incedibile" il talento classe 1991, ma di certo i due club non hanno intenzione di svelare così chiaramente le loro strategie di mercato. I bene informati dicono che su De Roon c'è già un'opzione firmata De Laurentiis. Quel che è certo, invece, è che il suo scudiero, Giuntoli, ha già strappato a Sartori e all'Atalanta due opzioni, quelle legate al portiere Sportiello e al promettente esterno destro Andrea Conti. Sportiello e Conti potrebbe essere i Reina e gli Hysaj del futuro. Sarri approva, del resto di calcio ne capisce. L'Atalanta si frega le mani, anche perchè ha già in casa un nuovo portiere fatto in casa: è Boris Radunovic, talento dell'under21 serba.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti