Di Francesco rassicurato: «Acerbi, Defrel e Pellegrini non partiranno»

Il tecnico: «Durante il mercato può succedere di tutto, faccio parte di questo mondo da troppo tempo per non saperlo»
© LaPresse

SASSUOLO - Inizia il girone di ritorno del massimo campionato e il Sassuolo dovrà affrontare il Palermo. Di Francesco, oltre alle difficoltà della gara, pensa al mercato. Così il tecnico: "La società mi ha assicurato che Acerbi, Defrel e Pellegrini non partiranno. Durante il mercato può succedere di tutto, faccio parte di questo mondo da troppo tempo per non saperlo. Comunque non vogliamo cedere Acerbi e gli altri giocaotori richiesti". Di Francesco fa un passo indietro e pensa al girone di andata e alle tante assenze: "Se togliessimo alle grandi squadre tutti i giocatori che abbiamo avuto fuori noi vorrei vedere...Io non voglio trovare alibi, ma le cose sono sotto gli occhi di tutti. Hanno giocati ragazzi non abituati a certe partite dal punto di vista fisico e mentale. E in più abbiamo regalato tre punti a tavolino. Ma ora non abbiamo tempo per guardare indietro, dobbiamo pensare al girone di ritorno senza pensare a una fine del 2016 che è stata sicuramente particolare".

GUARDA LE PROBABILI FORMAZIONI

SUL MATCH - "Sarà una gara difficile, loro non sono all'ultima spiaggia ma quasi. Vengono qui carichi. Corini ha giustamente caricato la partita. Ma noi vogliamo vincere. La pressione che c'è sul Palermo? Non penso che il calcio si possa paragonare alla guerra, alcune volte si esasperano i toni, sicuramente non è facile allenare in un ambiente così, ma io devo guardare in casa mia. Siamo anche noi in lotta per la salvezza e dobbiamo guardare in casa nostra. E' giusto che Corini dica che ci sono ancora 19 partite per sperare, io però devo pensare al Sassuolo".

SULLA CONDIZIONE - "Defrel lo valuteremo oggi, potrebbe essere a disposizione e magari partire dalla panchina. Si è allenato mezz'ora con la squadra durante questa settimana. Devo essere bravo a gestire i giocatori, perchè molti non hanno i novanta minuti nelle gambe. Duncan è quello che ne ha meno. Sicuramente uno tra Berardi e Politano partirà dall'inizio, devo valutare chi. A centrocampo è rientrato Mazzitelli, Sensi ha avuto la febbre, Aquilani ha avuto solo qualche problemino legato all'adattamento, come normale che sia. Comunque a centrocampo ne ho quattro di ruolo a disposizione. Ora dobbiamo riportare i giocatori tutti alla condizione ottimale, questa è la parte più difficile, siamo condizionati ancora da questo, il mese di gennaio deve essere quello che li riporta in condizione, avendo di mezzo anche la Coppa Italia, che per noi è importante"

TUTTO SUL CALCIOMERCATO

Commenti