Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

È Nainggolan-mania: vale 80 milioni. Gioca più di tutti

È Nainggolan-mania: vale 80 milioni. Gioca più di tutti
© LaPresse

Il suo prezzo è raddoppiato in sei mesi al top. Nella Roma è il calciatore più utilizzato. Alla Sampdoria ha segnato la prima doppietta. È arrivato a 5 gol nell’ultimo mese e mezzo

Sullo stesso argomento

 Roberto Maida

sabato 21 gennaio 2017 09:14

ROMA - La generosità è un foglio virtuale firmato in bianco. Non siamo ai livelli di Kalinic, che rinuncia ai 12 milioni annui della Cina, ma anche Radja Nainggolan ha preferito la vita ai soldi. «A Roma sto bene, voglio stare qui, troviamo un accordo». In quelle parole estive, consegnate ai dirigenti a Trigoria appena dopo l’Europeo, c’era un manifesto programmatico: senza neppure sapere se avrebbe giocato la Champions League, «che non cambierebbe la mia scelta» come ci disse durante la tournée nordamericana, Nainggolan aveva promesso di rifiutare il Chelsea nonostante il tentativo pressante di seduzione da parte di Antonio Conte, per telefono e anche de visu, e di guidare la Roma verso territori inesplorati: quelli dei vincitori. Ha prevalso il desiderio della quiete familiare, con la moglie Claudia che ha appena dato alla luce la seconda figlia Mailey, all’attrattiva modaiola londinese.

NAINGGOLAN È UN BOMBER - CALCIOMERCATO LIVE

CRESCITA - Nemmeno il presidente Pallotta, molto attento ai conti e alla serenità dei suoi ragazzi, avrebbe allora pensato che trattenere Nainggolan sarebbe stato un affare economico oltre che tecnico: oggi Radja, che va per i 29 anni, vale più dei 40 milioni delle offerte di giugno 2015. Il doppio, dicono a Trigoria, o anche di più. Impossibile valutare un calciatore che risolve problemi grazie alla propria originalità: Nainggolan è un androide non solo dal punto di vista tecnico-tattico ma anche fisico. Prende calci e gioca. Si stira un polpaccio e gioca. Si diverte la sera e gioca. Spesso meglio degli altri e a velocità superiori rispetto agli altri. È un corpo da studiare, il suo, sotto alle decine di tatuaggi che lo decorano, perché supera i limiti di comprensione dei guru della preparazione atletica. Nainggolan ha vissuto già 2.211 minuti in stagione, tra campionato e coppe, più di ogni suo compagno. È quarto nella classifica italiana, portieri esclusi, dietro ad Acerbi e Peluso del Sassuolo e a Callejon del Napoli. In più in fase realizzativa, muovendosi da «cavallo di razza fuori dal recinto» come gli chiede Spalletti, è diventato un vero trequartista contundente. Contro la Sampdoria, in Coppa Italia, ha segnato la prima doppietta in carriera, portandosi a sette gol stagionali con almeno una rete in ciascuna competizione in cui è impegnata la Roma, con un trend crescente: cinque gol sono arrivati nelle ultime otto partite.



Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Articoli correlati

Commenti