Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato, Gullit ammonisce Pogba: «Pensa al campo o finisci come Depay»

Calciomercato, Gullit ammonisce Pogba: «Pensa al campo o finisci come Depay»

L'ex Milan è preoccupato per il futuro del giovane centrocampista del Manchester United che ultimamente sembra più interessato a migliorare la propria immagine piuttosto che il proprio calcio

Sullo stesso argomento

 

lunedì 23 gennaio 2017 11:26

ROMA - A Ruud Gullit, leggenda olandese e vecchia conoscenza del nostro campionato, non è sfuggita la vocazione di Paul Pogba all'apparire. Il centrocampista è stato acquistato dal Manchester United in estate per una cifra esorbitante, che, in questi primi mesi alla corte di Mourinho, è stata solo in parte giustificata. Più che delle sue prodezze sul rettangolo verde, infatti, il francese ha fatto parlare di sé per il taglio di capelli, per la linea d'abbigliamento sportivo lanciata insieme ad una nota marca e per l'aver avuto dedicata un'emoji tutta sua su Twitter. Sitazione, questa, che ha fatto impensierire Gullit tanto da fargli lanciare un ammonimento: "Può essere il giocatore più costoso del mondo (pagato circa 105 milioni di euro), ma questo non conta se spende più tempo per lo stile degli abiti, i colori dei capelli e i suoi social media."

I GIOCATORI CHE VALGONO DI PIÚ AL MONDO - POGBA DIVENTA UN'EMOJI

IL CONFRONTO - Le parole del pallone d'oro non sono prive di fondamento, ma accompagnate da un esempio: "Paul dovrebbe chiedere a Memphis e si renderà conto che avere successo e raggiungere un livello superiore in Inghilterra è possibile solo se si lavora ogni settimana e se si dà tutto per la carriera". Depay, ricorda Gullit, "è stato pesantemente criticato perché ha dato più importanza alla sua immagine che a migliorare il suo calcio. Avrebbe dovuto sapere che il campo viene prima di tutto". E così, predice l'ex Milan, accadrà anche a Pogba: "Riceverà l'ira dei tifosi. La gente comincerà a lamentarsi e a contestarlo". Perché anche per i giocatori più forti del mondo, e Gullit che lo è stato lo sa bene, c'è una regola su tutte: "Giocare bene per il club viene prima, non lasciarsi catturare da tutte le altre luci della ribalta. Questo è il mio consiglio". A proposito di esempi, quello proposto da Gullit, Pogba lo trova già all'Old Trafford: Zlatan Ibrahimovic.

POGBA-IBRA, I SALUTI DI CAPODANNO - DEPAY VA AL LIONE

Articoli correlati

Commenti