Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato, Mancini pronto a tornare: «La mia barca vicina a un porto»

Calciomercato, Mancini pronto a tornare: «La mia barca vicina a un porto»

L'ex tecnico dell'Inter: «Io al Milan? Niente di vero. Vedremo quello che succederà, in Italia o anche all'estero»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 10 maggio 2017 17:07

MILANO - «Io al Milan? Ne avete parlato voi. Non c'è assolutamente niente di vero». Roberto Mancini, a margine della consegna del "Premio Stracca", spegne le voci su un suo possibile approdo al Milan a fine stagione. Dopo il turbolento addio estivo con l'Inter, Mancini ammette di aver grandi motivazioni per tornare ad allenare: «Io sono solo sulla mia barca ma un porto è vicino. Vedremo quello che succederà, in Italia o anche all'estero».

CAOS INTER DOPO MOU - FOTO

PIOLI - «L'esonero di Pioli? Non me lo aspettavo - continua Mancini - Non so perché abbiano preso questa decisione. Non ho molto da dire anche perché ogni che parlo dell'Inter cerco di farlo senza alcun tipo di polemica, ma le cose vengono comunque stravolte. È una cosa che non riguarda me, non conosco tutto quello che è successo. Sono le regole del gioco e valgono per ogni allenatore. Sono cose per cui non mi scandalizzerei più di tanto».

MANCINI ALL'OLIMPICO - FOTO

SU JUVE E TOTTI - Mancini non ha dubbi: «La Juventus ha meritato di raggiungere la finale di Champions League. Questa finale è un bene per il calcio italiano. Se l'è meritato anche perché ha eliminato il Barcellona ai quarti e non era una cosa così semplice da fare. Il Real Madrid però non sarà il Monaco. Sarà una partita incerta. È un altro tipo di squadra e la partita è tra un mese e nel frattempo possono cambiare tante cose». Mancini ha anche voluto parlare di Francesco Totti: «Non so quello che farà da qui alla fine del campionato. Dovesse lasciare, lascerà uno degli ultimi grandissimi campioni italiani».

SABATINI? BUON DIRIGENTE - Mancini infine spende un pensiero su Walter Sabatini, appena nominato coordinatore tecnico di Suning: «È un buon dirigente ma non so che lavoro dovrà fare all'Inter».

Articoli correlati

Commenti