Corriere dello Sport

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Mourinho-Raiola, quanti affari: presto un futuro insieme?

Mourinho-Raiola, quanti affari: presto un futuro insieme?
© REUTERS

Sempre più importante la presenza del noto procuratore negli affari di mercato del Manchester United: preludio a un rapporto di lavoro col manager portoghese?

Sullo stesso argomento

 

sabato 2 settembre 2017 12:53

ROMA - Il nuovo Manchester United, nato sulle basi della rivoluzione avviata l'anno scorso con l'arrivo in panchina di José Mourinho e la vittoria al primo colpo di ben 3 trofei (Europa League, Community Shield e Coppa di Lega), sembra costruito per tornare a dominare in Premier League (titolo che non vince dal 2013) e per essere fortemente competitivo anche in Champions League. Per questo, a una rosa già forte si sono aggiunti colpi del calibro di Romelu Lukaku (oltre 84 milioni di euro), Victor Lindelof (35 milioni) e Nemanja Matic (circa 45 milioni). Oltre alla non scontata riconferma di Zlatan Ibrahimovic, che tra pochi mesi tornerà dal grave infortunio patito nel finale della scorsa stagione e lo fara con la maglia numero 10 dei Red Devils.

MINO E MOU - Proprio il rinnovo dello svedese, assistito com'è noto da Mino Raiola, è la punta dell'iceberg del rapporto sempre più stretto che intercorre ormai tra l'agente e la squadra allenata dallo Special One. Non a caso un anno fa il segnale del ritorno prepotente del Manchester United tra le big d'Europa fu l'acquisto dalla Juventus di Paul Pogba, forse il nome di punta della scuderia del procuratore campano (trasferimento costato peraltro una multa alla società bianconera dalla Fifa per i 27 milioni di euro finiti nelle tasche di Raiola). Vanno poi aggiunti gli acquisti di Mkhitaryan (nel 2016) e del già citato Lukaku, guidati da Mino, e si può realizzare ancor di più quanto l'agente si trovi ormai a proprio agio a lavorare a stretto contatto con Mourinho, e viceversa. Rapporto che, stando a quanto inizia a rimbalzare dall'Inghilterra, potrebbe significare un possibile prossimo passaggio del manager portoghese, dal 2004 rappresentato dal potente Jorge Mendes, sotto l'ala di un Raiola sempre più in ascesa.

Articoli correlati

Commenti