Calciomercato: Rabiot resta al PSG, inevitabile la cessione a parametro zero
© AFPS
Calciomercato
0

Calciomercato: Rabiot resta al PSG, inevitabile la cessione a parametro zero

Il centrocampista francese è stato accostato al Barcellona a inizio gennaio. Poi è arrivata l'offerta del Tottenham, ma alla fine è rimasto a Parigi

ROMA - Ieri si è chiusa ufficialmente la finestra invernale di mercato, e tra tutte le trattative colpisce quella che in realtà non è avvenuta: la cessione di Adrien Rabiot. Il centrocampista francese è ormai in rottura con il Paris Saint Germain tanto che si era paventata la possibilità che il caso arrivasse fino in tribunale. Il calciatore intanto è stato messo fuori rosa. Per il campione del mondo si prevede una partenza a parametro zero quest’estate. 

DALLA SUGGESTIONE BARÇA ALL’OFFERTA DEL TOTTENHAM  -In questa finestra di mercato sono state diverse le società che hanno chiesto informazioni al Paris Saint Germain per acquisire il cartellino del calciatore classe ’95. Il primo club a farsi avanti è stato il Barcellona, nei primi giorni di gennaio, quando i parigini partirono per il ritiro in Qatar, lasciando il calciatore ad allenarsi con la squadra delle riserve. Intanto i francesi, per non perderlo a parametro zero a giugno, fissarono il prezzo del cartellino a 15 milioni di euro; una cifra tutto sommato ragionevole per un calciatore talentuoso di soli 23 anni.

Nonostante ciò la pista per portare Rabiot al Camp Nou si raffreddò sempre più fino ad arenarsi definitivamente. Dopo i blaugrana fu il Tottenham a farsi sotto, offrendo 23 milioni di euro per convincere la società a cedere il centrocampista. I vertici societari parigini diedero il via libera per il trasferimento di Rabiot a Wembley, ma stavolta fu lo stesso calciatore a porre il veto sul trasferimento: “voglio solo il Liverpool” dichiarò. I Reds non hanno provato l’affondo finale e Rabiot e rimasto a Parigi. 

Vedi tutte le news di Calciomercato

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta

In edicola

Prima pagina