Calciomercato
0

Allegri e la Juve: ora tutta la verità

Domani il vertice decisivo con Agnelli: Max ha detto sempre che vuole restare. Decisivo il faccia a faccia. Snodo fondamentale, impossibile rinviare ancora

Precedente 2 di 2

IO RESTO - Stando alle parole dei diretti interessati, l’epilogo più logico è quello di una permanenza di Massimiliano Allegri. Lo ha ribadito lui stesso svariate volte dalla notte choc con l’Ajax, la notte dell’eliminazione dalla Champions League ma anche dell’auto-conferma, corroborata negli stessi minuti dall’assicurazione del presidente Agnelli che nulla sarebbe mutato sul fronte allenatore. Max ha ribadito il concetto anche nelle ultime settimane quando, conquistato lo scudetto con largo anticipo, il tema del suo futuro è diventato centrale nel dibattito. «Io resto, ho comunicato la mia scelta alla società già prima della sfi da con l’Ajax». E anche gli altri massimi dirigenti juventini si sono mantenuti sulla stessa lunghezza d’onda: «Non ci saranno sorprese» disse Fabio Paratici, nel giorno della festa tricolore con la Fiorentina; «Allegri ha ancora un anno di contratto e quindi deve rimanere», ha aggiunto qualche giorno dopo Pavel Nedved. Eppure non tutto è semplice come potrebbe apparire. Perché la porta dei colpi di scena è rimasta sempre aperta, grazie ad alcune postille ai vari ragionamenti. Resto, ha sempre detto Max, «ma dovremo vederci e parlare di tutto». Resta Allegri? «Chi vivrà, vedrà» la chiosa di domenica sera da parte di Nedved. Non certo un’assicurazione sulla vita. Parole, quelle del vicepresidente bianconero, pronunciate poco prima del match con la Roma, cui è seguita la replica di Max: «Sto bene alla Juve e sono contento di rimanere».

Leggi l’articolo completo sull’edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

 

Precedente 2 di 2
Tutte le notizie di Calciomercato

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta

In edicola

Prima pagina