Calciomercato
0

Lukaku, l'agente: "Poteva andare alla Juve, ma l'Inter l'ha voluto di più"

Federico Pastorello: "Se oggi è in nerazzurro è anche grazie al mancato accordo tra Dybala e il Manchester United. Romelu ha percepito il maggior calore dei tifosi"

Lukaku, l'agente:
© Getty Images

MILANO - "Juve? E' il miglior club in Italia per organizzazione e trofei vinti, ma il suo arrivo all'Inter ha rappresentato una svolta per aprire un nuovo ciclo di vittorie. Una cosa che lui ha percepito subito". Così Federico Pastorello, agente dell'attaccante nerazzurro Romelu Lukaku che ha scelto di trasferirsi la scorsa estate alla corte milanese piuttosto che in bianconero. "La Juve ha fatto un lavoro incredibile per prenderlo - ha svelato a Sky Sport -, ma si è sentito più voluto dall'Inter. E se oggi è in nerazzurro è grazie al mancato accordo tra Dybala e il Manchester United. Lukaku comunque aveva già deciso di lasciare la Premier dove aveva dimostrato il suo valore. E' un ragazzo con grande cuore e spirito, ha bisogno di essere in un posto dove si senta davvero voluto. Ha notato subito il maggiorcaloredei tifosinerazzurri rispetto a quelli bianconeri". Sulle ripercussioni che l'emergenza coronavirus lascerà sul mercato: "Nessuno può prevedere gli effetti finchè non si capirà quando finirà tutto questo. Ora la cosa che conta di più è la fine, o meno, dei campionati europei. Se non dovessero essere portati a termine ci saranno effetti importanti per tutti". "Se invece finiranno - ha aggiunto - allora ci saranno effetti limitati ad una sola stagione. Andare oltre il 30 giugno? Così facendo scadrebbero alcuni contratti, ma l'ipotesi più plausibile sarebbe quella di prorogare i termini di un eventuale mese e bypassare il problema. Restano però casi di giocatori che magari hanno già firmato per altre squadre" ha chiosato Pastorello. (Ha collaborato Italpress)

Coronavirus: la Saras dona 1 mln alla Lombardia

Tutte le notizie di Calciomercato

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta

In edicola

Prima pagina