Van der Sar avverte: "Prezzi più bassi? Sono solo i compratori a dirlo…"

Il dirigente dell'Ajax ammette che lascerà partire alcuni gioielli come van de Beek, ma allo stesso tempo sottolinea che non intende fare sconti

AMSTERDAM (Olanda) - "Il coronavirus rivoluzionerà anche il calciomercato", spiegano tanti addetti ai lavori, aggiungendo che le cifre cui ci siamo abituati negli ultimi anni subiranno importanti tagli e riduzioni. La capacità di acquisto è scesa per tutti, ecco perché dovranno essere rivisitati alcuni parametri e limiti. Non la pensa però allo stesso modo l'amministratore delegato dell'Ajax, Edwin van der Sar. L'ex portiere della Juve ha sottolineato che il club dia ancora un valore alto ai calciatori che hanno permesso di raggiungere la semifinale di Champions League un anno fa e che per loro non ci sia alcuna disponibilità a calare nelle richieste economiche: "Lo scorso gennaio la gente diceva che avremmo perso sette o otto giocatori, ma alla fine abbiamo ceduto solo due uomini chiave", ha detto all'agenzia Reuters.

Van der Sar, smart working con le maglie di quando giocava
Guarda la gallery
Van der Sar, smart working con le maglie di quando giocava

Ajax, nessuno sconto per i suoi gioielli

Poi il dirigente dell'Ajax ha continuato: "I grandi club come il Bayern Monaco hanno detto che i parametri del calciomercato scenderanno nelle prossime finestre di trasferimento. Ma è più facile per loro dirlo, perché sono i compratori. Naturalmente i movimenti da 150 a 200 milioni di euro spariranno, ma penso che ci sia ancora un valore molto alto per i giocatori che provengono dall'Ajax. Sono ben istruiti, esperti nel vincere e giocare in Europa". Van der Sar allo stesso tempo ammette che ad alcuni dei suoi ragazzi - tra cui van de Beek, seguito anche dalla Juve - ha già promesso di concedergli la possibilità di trasferirsi altrove al termine della stagione: "L'anno scorso abbiamo stretto degli accordi verbali con Andre Onana, Nicolas Tagliafico e van de Beek affinché rimanessero un'altra stagione, per poi aiutarci a vicenda per trovare il prossimo passo nella loro carriera. Niente è cambiato sotto questo punto di vista, ma non ci sarà uno sconto del 50%. I club interessati possono scordarselo".

Da non perdere





Commenti