Bologna, per Sinisa resiste il "progetto" Ibrahimovic

Per l'attacco del futuro lo svedese balza di nuovo al primo posto nella lista del tecnico. Favilli l'alternativa

© LAPRESSE

BOLOGNA - Se vi ricordate, la classifica delle preferenze di Sinisa Mihajlovic per quanto riguarda l’attaccante da aggiungere al Bologna a dicembre era la seguente: davanti a tutti Zlatan Ibrahimovic, secondo Musa Barrow e terzo Andrea Favilli. Vai a sapere se fosse stata anche quella di Walter Sabatini e Riccardo Bigon, anche se conoscendoli e conoscendo soprattutto quelle che sono le loro idee non è escluso che al primo posto abitasse il giovane attaccante del Gambia, allora all’Atalanta. Pensando da sempre più al domani che all’oggi, pur ammettendo come il campione svedese avrebbe potuto ribaltare di colpo il mondo Bologna. E dopo il no di Ibra per andare al Milan, ecco che i capi rossoblù hanno portato Musa a Casteldebole.

Arriviamo a questi ultimi giorni, dopo la nuova telefonata che c’è stata tra Sinisa e Ibra, nel corso della quale l’allenatore del Bologna e il fuoriclasse svedese sono tornati sul vecchio tema, quello già affrontato a dicembre, riguardante il futuro di Ibrahimovic. Ebbene, fate conto che alla luce di quella conversazione della settimana passata possa essere riaggiornata anche quella classifica invernale. Con Ibra che è tornato prepotentemente al primo posto nella testa di Miha e con Favilli che ha scalato una posizione, considerato che nel frattempo (appunto) Barrow è già diventato un giocatore del Bologna.   

Favilli, poi la telefonata

Ora, che la società sia pronta ad accontentare nel limite del possibile Sinisa è sicuro, ma come era accaduto nei mesi passati ha dato mandato al proprio allenatore di portare avanti questa sorta di operazione. Nel senso che il Bologna resterà fuori da questa storia almeno fino a quando [...]

Da non perdere





Commenti