Calciomercato
0

James Rodriguez: "L'offerta del Napoli non era buona"

Il colombiano del Real Madrid: "Ero sicuro di andare all'Atletico, ma me lo hanno impedito. Cina? No, ho rifiutato perché posso ancora dare molto al calcio in Europa"

James Rodriguez:
© Getty Images

MADRID - Dopo il prestito biennale al Bayern Monaco, James Rodriguez è tornato la scorsa estate al Real Madrid, dove tuttavia non è riuscito a ritagliarsi lo spazio che avrebbe desiderato. Il trequartista cafetero ha parlato a Gol Caracol della sua situazione: "Si dicono molte cose su di me e quasi tutte sono false. Ciò che mi preoccupa di più è che la mia professionalità sia messa in dubbio, questo non lo accetto. Sono molto professionale, ecco perché sono arrivato dove sono ora. Mi prendo cura di me stesso come nessun altro. Mi alleno molto giorno per giorno e voglio sempre migliorare. Con Zidane non c'è mai stato alcun problema. Ogni allenatore ha i suoi gusti, tra di noi c'è un normale rapporto di lavoro".

"Difficile mostrare proprie qualità in pochi minuti"

Il campione colombiano non si sbilancia sul suo futuro: "Non so ancora cosa accadrà, ma se mi dessero una scelta, sceglierei un club in cui mostrare le mie capacità. Al Real ora il mio ruolo non è da protagonista. Mi sto allenando e lavoro per essere pronto per fare bene. A Madrid ci sono giocatori di grande qualità e so che con il mio talento e una certa continuità potrei aiutare la squadra in molti modi. Ma capisco che Zidane ha il suo zoccolo duro, ha vinto cose importanti con i giocatori di cui si fida e quando hai la base, è difficile cambiare. È anche complicato quando il tuo allenatore non ti dà minuti. È complesso mostrare le tue capacità in pochi minuti, non puoi fare tutto quello che sai".

"Non convinto dall'offerta italiana"

James la scorsa estate era destinato all'Atletico Madrid, ma poi l'affare saltò: "Pensavo che questa operazione si sarebbe chiusa. Onestamente, non mi hanno permesso di andare nel club in cui volevo. Volevano che andassi in un'altra squadra". Il Napoli, all'epoca allenato ancora da Ancelotti, avrebbe fatto carte false per prenderlo: "C'era anche un'offerta dall'Italia, ma non mi convinceva perché ritenevo che non fosse buona. All'epoca, il mio agente Jorge Mendes mi disse che il Real Madrid lo aveva chiamato, che avevano una proposta dalla Cina; io gli dissi che non ero pronto per andare in Cina perché sento di poter dare molto al calcio in Europa".

Tutte le notizie di Calciomercato

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta

In edicola

Prima pagina