Calciomercato
0

Lyanco dice Bologna, ma il Torino spara alto

In caso di addio ai granata sceglierebbe subito Mihajlovic, ma i 15 milioni chiesti da Cairo frenano la trattativa

Lyanco dice Bologna, ma il Torino spara alto
© Getty Images

BOLOGNA - Il fatto che Lyanco Evangelista metterebbe Sinisa Mihajlovic davanti a tutti in caso di un suo eventuale addio al Torino rischia di diventare una magra consolazione sia per il Bologna che per lo stesso tecnico serbo. Perché a queste condizioni economiche Walter Sabatini e Riccardo Bigon non potranno mai riportarlo a Casteldebole. A oggi Urbano Cairo sta chiedendo per Lyanco 15 milioni di euro, ora, se il presidente del Torino spara tanto alto perché vuole trattenerlo (o perché vuole trattenerlo Marco Giampaolo) è un conto, ma se in realtà il suo obiettivo è quello di lasciarlo partire, a certi numeri difficilmente ci riuscirà. O meglio, sarà quasi impossibile che ci riesca. Non a caso almeno fin qua anche lo Sporting Lisbona è rimasto molto lontano da quella cifra, non dimenticando come negli ultimi due anni, al di là delle sue potenzialità tecniche, Lyanco ha fatto bene solo nei 4 mesi attraversati a Bologna con Sinisa in panchina. Ecco il motivo per il quale il brasiliano sarebbe felice di poter tornare a lavorare con Miha e Miha sarebbe felice di riaverlo, convinto com’è che a Bologna Lyanco sarebbe di nuovo affidabile e costruttivo come lo fu da febbraio a fine maggio due campionati fa.

Ufficiale: Juwara rinnova fino al 2024

Fenucci: "Mihajlovic? L'importante è che stia bene"

Un prestito con diritto

Di sicuro almeno fino a quando Lyanco sarà dichiarato incedibile dal Torino oppure sarà stato ceduto, Sinisa e il Bologna non lo perderanno di vista, magari con la speranza che nel frattempo Cairo si decida ad abbassare le proprie pretese e anche a lasciarlo partire con una formula che lo garantisca, certo, ma che garantisca anche chi lo acquista. Perché è vero che Sabatini e Bigon dovranno finanziare le operazioni in entrata con i soldi ricavati da quelle in uscita, ma è altrettanto vero che un prestito con diritto (o anche con obbligo) di riscatto nel prossimo giugno inserendo alcuni bonus sarebbe nelle loro possibilità. Morale: ora come ora Lyanco che torna al Bologna è un’operazione molto improbabile, ma per quanto riguarda il mercato [...]

Leggi l'articolo completo sull'edizione digitale del Corriere dello Sport-Stadio

Tutte le notizie di Calciomercato

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Calciomercato in Diretta

In edicola

Prima pagina