Mercato della Roma in stallo, ecco la lista di Fonseca

Il ritorno di Smalling (per il quale l'accordo con lo United è ancora lontano) e due punte: il tecnico portoghese mette fretta alla società

© LAPRESSE
Roberto Maida

La Roma compra giovane: aspettando di definire le questioni più importanti, Fienga si prepara a contrattualizzare il portiere ungherese Gabor Megyeri, classe 2002, che ha superato il provino di due settimane a Trigoria. Viene dall’Honved Budapest, è costato 20.000 euro: sarà aggregato alla Primavera di Alberto De Rossi. Piaceva anche alla Fiorentina. Ma è logico che non sia Megyeri il magiaro l’erede di Pau Lopez, il portiere che Fonseca ha tolto di squadra per far posto a Mirante. In questo momento a Trigoria ci sono tre professionisti più o meno dello stesso livello, compreso Olsen che è infortunato ma può tornare in auge se non andrà via. Il punto è che nessuno convince in pieno l’allenatore.

Roma, Dzeko resta in panchina contro il Verona per tutta la partita
Guarda la gallery
Roma, Dzeko resta in panchina contro il Verona per tutta la partita

Fonscea chiede Smalling ma l'accordo è lontano

Intanto, Fonseca ha parlato chiaro davanti a telecamere accese e microfoni sanificati: modificando lo stile di comunicazione della sua prima stagione italiana, ha invitato la società a fare la propria parte per completare la squadra. Su Chris Smalling, per il quale l’accordo con il Manchester United è ancora lontano, si è esposto senza mezzi termini (“Lo voglio qui”). Ma anche sulla necessità di prendere due attaccanti non ha utilizzato perifrasi: oltre a uno tra Dzeko e Milik, gli serve un’alternativa perché Mkhitaryan in quel ruolo (si è visto a Verona) è una soluzione emergenziale. La Roma sta provando ad accontentarlo, dando la preferenza a un profilo giovane: l’ideale sarebbe l’argentino Bustos, classe ‘98, che il Talleres di Cordoba ha messo in vendita. Ma se non cala la richiesta di 10 milioni, Fienga non può sedersi al tavolo. La soluzione più confortevole, nel rapporto qualità/prezzo, potrebbe essere il ritorno di Nikola Kalinic, che ha rifiutato tutti i trasferimenti turchi perché spera di essere richiamato a Trigoria. Ma avendo solo un anno di contratto, è difficile che l’Atletico Madrid lo regali.

Leggi l'articolo completo sull'edizione del Corriere dello Sport-Stadio oggi in edicola

Commenti