Messi, il contratto in sospeso e la collezione di record

Gennaio è il mese cruciale per scoprire il futuro di Leo: il 24 gennaio i soci del Barcellona voteranno il nuovo presidente. L’argentino chiede investimenti e una squadra super per rinnovare il contratto in scadenza a giugno
Messi, il contratto in sospeso e la collezione di record© Getty Images
Stefano Chioffi

Nessuno potrà accusare Messi di aver gestito la delicata questione del rinnovo in modo equivoco: il contratto scade a giugno, ma lo considera ancora un argomento prematuro. Leo ha chiarito le sue ragioni e le sue priorità: non saranno i soldi a convincerlo a restare a Barcellona. Serviranno un progetto ambizioso e credibile, investimenti sontuosi sul mercato e una squadra forte, ricca di soluzioni e di alternative, in grado di dominare la Liga e in Champions. Ecco perché la data del 24 gennaio merita un cerchio rosso: quel giorno sono in programma le elezioni del nuovo presidente, i soci del club catalano voteranno l’erede di Josep Maria Bartomeu, che si è dimesso il 27 ottobre dopo le critiche spietate di Messi e dei tifosi blaugrana.

Esiste solo una condizione: ricostruire un Barcellona di altissimo profilo, invidiato da tutti, in Europa e nel mondo. Non c’è spazio per i compromessi. Joan Laporta, avvocato, si è preso la scena durante questa lunga campagna elettorale: ha promesso la conferma di Messi e un mercato faraonico. Ha 58 anni e ha già guidato il Barcellona dal 2003 al 2010: “Messi sa che mantengo le promesse e sul ritorno di Neymar, per ora, non dico niente”, ha commentato Laporta, qualche giorno fa, a Catalunya Radio. Ha scoperto le carte sulla ferma volontà di blindare l’argentino e ha fatto intuire il colpo che ha in mente: strappare Neymar al Paris Saint Germain e riportarlo al Camp Nou.

Laporta vuole che l’argentino continui a collezionare record in maglia blaugrana. Tutto ruota intorno a Leo, campione da enciclopedia. Nessuno, in 121 anni di Barcellona, ha segnato più gol del fenomeno di Rosario: 644. Superò il record di César Rodríguez il 12 marzo del 2012, grazie alla tripletta contro il Granada. César Rodríguez si era fermato a quota 232 gol giocando nel Barcellona tra il 1942 e il 1955. César conserva la seconda posizione, mentre al terzo posto c’è Luis Suárez (196), che ha soffiato il podio a Kubala (194) prima di essere mandato via, nella scorsa estate, dal presidente Bartomeu.   

Messi è primo anche nella classifica marcatori della Liga: 451 gol. Alle sue spalle Cristiano Ronaldo (311) e Telmo Zarra (251). Il suo anno spaziale è stato il 2012: segnò 91 gol, 79 con il Barça e 12 con l'Argentina, superando un primato che sembrava irraggiungibile, le 85 reti di Gerd Müller nel 1972 con il Bayern Monaco e la Germania Ovest.

È l'unico ad aver ricevuto sei volte il Pallone d'Oro: lo ha vinto nel 2009, 2010, 2011, 2012, 2015 e nel 2019. E sempre per sei volte è stato premiato con la Scarpa d'oro: 2009-10, 2011-12, 2012-13, 2016-17, 2017-18 e 2018-19. In Champions, con il gol al Ferencvaros, è riuscito a segnare a 36 club. Da record anche la cinquina realizzata contro il Bayer Leverkusen negli ottavi di finale della Champions League 2011-12.

Messi è il re anche nella classifica marcatori della nazionale argentina: 71 gol, quindici in più rispetto a Batistuta. Trentaquattro, invece, i trofei conquistati con il Barcellona: 10 campionati, 8 Supercoppe spagnole, 6 Coppe del Re, 4 Champions League, 3 Supercoppe europee e 3 Coppe del mondo per club. Ma qui il record mondiale appartiene a Ryan Giggs: 36 (tra titoli e coppe) con il Manchester United.

Unico in tutto: 10 campionati vinti, 94 doppiette, 36 triplette, 5 poker, 185 assist, il maggior numero di gol in un singolo campionato (50, nel 2011-12), 36 magie su punizione, 17 stagioni in prima squadra (come Xavi e Rexach), 26 reti al Real Madrid e 161 portieri a cui ha segnato.

Ecco perché il prossimo presidente del Barcellona avrà l'obbligo morale di provare a trattenere Messi. Il rischio è di passare alla storia come l’uomo che ha lasciato partire Leo. Gennaio sarà il mese della verità: il 24 le elezioni. E dal 25 la trattativa per un contratto che potrebbe trasformarsi in un complicatissimo labirinto. Il Psg di Neymar e Mbappé è una tentazione: più del Manchester City del suo amico Guardiola.

Mister Calcio Cup europei

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti