Udinese, Marino su Soppy e Beto: "Due gioielli"

Il Responsabile dell'Area Tecnica si sbilancia sull'ex Rennes: "Mi ricorda Davids"
Udinese, Marino su Soppy e Beto: "Due gioielli"© Getty Images

UDINE - L'Udinese ha presentato al suo canale tv ufficiale gli ultimi due colpi di mercato: Brandon Soppy e Beto Betuncal. A fare gli onori casa il Direttore dell'Area Tecnica Pierpaolo Marino: "Soppy mi ricorda Edgar Davids per il suo scatto che lo rendeva devastante" ha assicurato. Mentre di Beto ha esaltato le doti da centravanti di razza: "È un attaccante moderno che nonostante il gran fisico ha la dote della velocità, lo scatto repentino in zona gol e la capacità di attaccare la porta". Soppy, ex Rennes, si è presentato ai suoi nuovi tifosi mostrando un atteggiamento che di certo farà felici i sostenitori bianconeri: "Nel mio settore - ammette - ci sarà molta concorrenza, c’è un solo posto da contendere ma questo nel calcio va bene perché aiuta i giocatori a dare il meglio. Il giocatore che mi ha impressionato di più è De Maio, un grande lavoratore sempre pronto a dispensare consigli. Lo considero come un fratello maggiore su cui contare. Udine è una bellissima città e molto tranquilla, questo aiuta a concentrarsi sul lavoro quotidiano. Ho visto che i tifosi sono molto attivi sui social e non vedo l’ora di conoscerli personalmente. Gotti mi ha fatto una buonissima impressione e mi ha dimostrato di essere felice del mio arrivo".

Esagerata Udinese: 3-0 al Venezia per il primo successo
Guarda la gallery
Esagerata Udinese: 3-0 al Venezia per il primo successo

"Spero di fare tanti gol anche in Italia

Reduce da ottime annate in Portogallo, Beto era sui radar dell'Udinese già da qualche tempo: "Beto - ammette Marino - è un attaccante che seguivamo da tempo. La sua esplosione è avvenuta di recente ma noi lo avevamo osservato già precedentemente, in Portogallo si è fatto notare fin dalle sue apparizioni nelle giovanili". Parole che hanno inorgoglito l'attaccante: "Il fatto che il Direttore Marino abbia chiarito che il club mi stava già seguendo da molto tempo mi ha fatto sentire importante. Ho delle caratteristiche difficili da trovare - spiega Beto - perché abbino il fisico alla velocità, sono sicuro di poter fare bene con l’aiuto dei miei compagni. È vero che ho fatto molti gol in Portogallo ma è un campionato molto diverso rispetto a quello italiano, ci vorrà un periodo di adattamento che dovrà essere molto rapido. Spero di poter fare molti gol anche in Italia e di aiutare la squadra; spero anche di iniziare a farlo il più presto possibile. Gotti - ha chiosato - è un tecnico con personalità e ha un’idea di gioco molto precisa, per noi è importante perché ci dà dei punti di riferimento certi".

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti