Gnonto, si sveglia la serie A: costa 7 milioni

Il Sassuolo ci pensava per il dopo Raspadori, è spuntato il Monza e ci pensano Roma e Fiorentina ma per Wilfried conta il progetto
Gnonto, si sveglia la serie A: costa 7 milioni© Getty Images
4 min
Fabrizio Patania
TagsGnoto

BOLOGNA - Se il ct Mancini lo ha lanciato e l’Italia lo ha scoperto in una notte d’inizio estate, ora i riflettori del mercato si accenderanno su Degnand Wilfried Gnonto, facendolo diventare tra le prede più ambite. Non a caso, un’ora dopo il debutto con la Germania, il suo nome era stato accostato al Monza di Berlusconi e Galliani. Chissà quante altre pretendenti spunteranno. L’unico vero sondaggio, in Serie A, è stato del Sassuolo e risale a qualche settimana fa. Il dg Carnevali lo tiene in un elenco di possibili alternative nel caso in cui venisse ceduto Raspadori. Verona e Torino si sono informate. Un profilo simile farebbe comodo alla Lazio di Sarri. Ieri è stato accostato a Roma e Fiorentina. Tutti cercano i giovani e le condizioni contrattuali sono favorevoli. Gli interessi si moltiplicheranno. Per ora, di concreto, non ci sono trattative e Wilfried è in attesa. Ecco il punto che interessa di più alla famiglia e ai procuratori: il percorso tecnico, la possibilità di giocare con regolarità, condizione indispensabile per proseguire nel percorso di crescita. Lo stesso motivo lo aveva spinto, in piena pandemia e nella primavera del 2020, a lasciare l’Inter, saltando il passaggio in Primavera, per accettare la proposta del club svizzero. Più che l’intesa economica relativa al contratto (non sarebbe stato più lungo di tre anni per motivi anagrafici), pesarono il progetto illustrato dallo Zurigo e un’occupazione per mamma Chantal, cameriera, all’epoca rimasta senza lavoro a Verbania a causa del lockdown. Wilfried si lasciò bene con l’Inter, rassegnata a perderlo da svincolato: 120 mila euro l’indennizzo sotto forma di “premio di formazione giovanile” per averlo allevato nel settore giovanile.

Supermercato Italia: 14 gli azzurri con la valigia pronta
Guarda la gallery
Supermercato Italia: 14 gli azzurri con la valigia pronta

La Champions

Sono passati due anni. Gnonto ha vinto il titolo in Super League, segnando 8 gol (con 3 assist) in 33 presenze, e ancor prima della promozione stabilita dal ct Mancini stava cominciando a pensare al suo futuro. Il contratto con lo Zurigo scade il 30 giugno 2023. Davanti ci sono due scenari: la cessione, consentendo al club di monetizzare, o l’addio a scadenza tra un anno, ipotesi meno probabile. «Ringraziamo lo Zurigo per l’opportunità che ci hanno dato. Faremo in modo di trovare un accordo» ha spiegato Claudio Vigorello, suo agente dai tempi delle giovanili dell’Inter. Il cartellino di Gnonto viene valutato 7-8 milioni, ma potrebbe essere preso a meno. Verso fine estate, il prezzo scenderà. Una chiave è legata alla sintonia con lo Zurigo, atteso dai preliminari Champions: il club svizzero vorrebbe tenerlo sino alla fine di agosto, tentando l’approdo ai gironi.

Dall'estero

Molto potrebbe dipendere dal destino di Andrè Breitenreiter, il tecnico tedesco che ha appena trascinato lo Zurigo a vincere il campionato. E’ destinato a tornare in Germania per assumere la guida dell’Hoffenheim e in questo caso spingerebbe per l’acquisto di Gnonto. E’ paradossale come le società italiane si siano svegliate solo adesso. L’attaccante di origini ivoriane, paragonato a Sterling per l’esplosività e il baricentro basso, da mesi è nel mirino di diversi club europei. Lo ha seguito il Friburgo in Bundesliga. Dal Belgio ci sono stati i sondaggi di Anversa, Bruges e Anderlecht. Wilfried è stato accostato anche agli olandesi dell’Ajax e del Psv Eindhoven.

Europeo Under 19

Senza l’esplosione di Bologna, Gnonto sarebbe stato destinato verso un nuovo trasferimento all’estero. Ancora adesso non si può escludere, calcolando pressioni e aspettative minori rispetto al campionato italiano. Uno step intermedio, con maggiori possibilità di impiego, gli permetterebbe una maturazione graduale. La Serie A, è ovvio, si tufferà sulla sorpresa della Nazionale. Vedremo cosa succederà. Non ha ancora compiuto 19 anni, dovrà gestire la visibilità e i prossimi mesi con cautela. Nell’immediato la prima scelta sarà ancora legata all’azzurro. La Nations termina il 14 in Germania. Il 18 inizia l’Europeo in Slovacchia per l’Under 19 di Nunziata. Gnonto è in lista. Ora a Coverciano dovranno stabilire se tenerlo lo stesso nel gruppo o concedergli un minimo di vacanza.


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti