Rudiger si presenta: "Ho scelto il Real dopo aver parlato con Ancelotti"

Così l'ex Roma: "Mi voleva anche il Barcellona, ma ho detto al mio agente che volevo venire qui"
Rudiger si presenta: "Ho scelto il Real dopo aver parlato con Ancelotti"© Getty Images
4 min
TagsRudigerReal MadridCalciomercato

MADRID (Spagna) - "Ho giocato in Germania e lì bisogna essere molto veloci. In Italia il calcio è molto tattico. In Inghilterra la fisicità è importante e in Spagna c'è molta qualità. È una sfida che mi piace. Cos'è per me il Real? Ricordo Ronaldo Nazario, era un idolo nella mia città. E vorrei anche fare il nome di Zidane, ricordo il suo gol a Leverkusen. La prima volta che hanno contattato il mio agente è stato a settembre dell'anno scorso. La seconda volta, ad aprile, quando ho parlato con Ancelotti. Quello è stato il momento più importante, è stato in quel momento che ho deciso di giocare per il Real Madrid. Se ho parlato con Hazard e Kroos? Queste sono decisioni personali. Non ho parlato con loro". Antonio Rudiger, ex difensore della Roma recentemente acquistato dai Blancos dopo aver lasciato il Chelsea a parametro zero, è stato presentato ufficialmente in conferenza stampa.

Rudiger: "In Champions ho tifato Real"

"La cosa più importante a Madrid è la vittoria e darò tutto per vincere. I miei ricordi del Real quando l'ho affrontato con il Chelsea? È stata una partita speciale, molto intensa. Era la prima volta che giocavo al Bernabéu e per me sono state emozioni incredibili. Dopo il terzo gol c'era ancora una bella atmosfera allo stadio. Ho avuto tante emozioni e oggi è un giorno incredibile per me. Il Real ha ottimi giocatori, in particolare nella mia posizione. Ma mi sento al sicuro e aggiungerò competitività, questa è una cosa buona per una squadra. È una grande sfida. Quando ho giocato contro il Real non era ancora chiuso il mio trasferimento. Il mio obiettivo era eliminare il Real Madrid, sono un professionista. Per me è stato facile concentrarmi. Quando si è giocata la finale, invece, sapevo già che avrei giocato per il Real Madrid e ho fatto il tifo loro. Questa Champions è stata incredibile. Le 14 Champions? È impressionante vederli, perché vedere quelle Coppe ti mostra a colpo d'occhio qual è l'obiettivo del Real Madrid: vincere".

Rudiger: "Mi voleva il Barcellona, ma ho voluto il Real"

"C'era l'interesse dal Barcellona, ??ma ho detto al mio agente: 'Il Real Madrid o niente'. È un giorno molto speciale per tutti noi. Vorrei ringraziare i miei genitori, perché senza di loro non potrei essere qui. Mi hanno sempre sostenuto nella mia vita. Voglio anche ringraziare il presidente, per avermi dato l'opportunità di giocare per questo club. E voglio ringraziare i membri del Real Madrid per la loro accoglienza, posso promettere che darò il massimo. Voglio vincere tutti i titoli che possiamo. Hala Madrid, nient'altro".

Rudiger: "Pepe un idolo, ho scelto il numero 22"

"Mi piace molto chiacchierare, ridere, ballare... Ma in campo sono molto serio, non scherzo. Il mio contributo allo spogliatoio è il mio spirito combattivo, la mia leadership. Ma Roma non si costruisce in due giorni... prima devo imparare lo spagnolo e lo farò in fretta. Ancelotti? Mi ha detto che potevo aiutare molto la squadra e che alla mia età basta questo. Certo che so che c'è concorrenza, è Madrid. Idoli? Ci sono tanti difensori di alto livello, ma se devo sceglierne uno scelgo Pepe. Ha delle caratteristiche che amo. E da quello che mi dicono è molto amichevole fuori dal campo e una bestia in campo. Che numero ho scelto? Il mio numero preferito è il 2, ma è di Carvajal. Mi hanno offerto il 12 e il 22 e io ho preso il 22. La mia famiglia è felicissima, perché sanno quanto è grande Madrid. Anche la mia famiglia non sa molto di calcio, ma sa cos'è il Madrid. E mia moglie è felicissima".

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti