De Ligt al Bayern porta i soldi alla Juve per Bremer. Ma l'Inter...

I nerazzurri hanno ancora il vantaggio dell’accordo con il difensore del Torino. Domani incontro tra Marotta, gli agenti del sudamericano e Cairo. L’ad prova così ad anticipare le mosse della Signora per il brasiliano
De Ligt al Bayern porta i soldi alla Juve per Bremer. Ma l'Inter...© LAPRESSE
5 min
Andrea Ramazzotti
TagsBremerDe LigtInter

L'intrigo da ieri (forse) è un po' meno... intricato. Perché la trattativa tra il Bayern Monaco e il Barcellona per Robert Lewandowski si è chiusa ufficialmente e l'attaccante volerà negli Stati Uniti per aggregarsi ai nuovi compagni che affronteranno il Real e la Juventus. Accordo trovato venerdì, dopo mezzanotte: ai bavaresi 45 milioni più 5 di bonus; al polacco un contratto da circa 9 milioni netti a stagione fino al 2025 (opzione fino al 2026). Il passaggio del bomber in Catalogna avrà ripercussioni sulle mosse dell'Inter e della Juve. Salihamidzic, ds del Bayern, è infatti pronto a ritoccare verso l'alto la prima proposta per De Ligt (60 milioni più 10 di bonus) grazie ai soldi incassati dall'addio di "Lewa". Oggi la vicenda sarà... approfondita perché domani la squadra partirà per la tournée negli Stati Uniti e il Bayern gradirebbe, se non proprio arrivare alle firme (e portare Matthijs oltre Oceano), avere qualche certezza in più. La volontà dell'olandese di trasferirsi alla corte di Nagelsmann aiuta, ma non basta. L'ad Kahn lo ha confermato a BR24Sport: «Il giocatore vuole venire da noi. Presto parleremo di nuovo con la Juventus e vedremo quello che succederà». L'Inter osserva interessata e spera che l'accordo sull'asse Monaco-Torino non sia immediato, altrimenti i bianconeri avrebbero i soldi per partecipare all'asta per Bremer. A scanso di equivoci, Marotta, Ausilio e Baccin hanno impresso un'accelerazione all'affare con il Torino: il vertice di domani pomeriggio con l'agente del calciatore, l'intermediario dell'operazione (Busardò), ma soprattutto con il presidente del Toro Cairo e il ds Vagnati va letto come una mossa... anti Signora.

Vendere prima Skriniar?

Dal faccia a faccia tra le due dirigenze, il primo a cui parteciperà Cairo, può venir fuori la fumata bianca? Possibile, ma non scontato. Non tanto (o non solo) per le difficoltà comunque presenti a trovare un'intesa sul valore cartellino del difensore, quanto perché, prima di perfezionare il sesto arrivo di questo 2022-23, Zhang vuole che ci sia una cessione importante. Naturalmente a un pezzo congruo. Il riferimento è ai 70 milioni che il presidente si aspetta di incassare per Skriniar. Il Psg però sta giocando al ribasso, in controtendenza con quello che faceva Leonardo, e neppure ieri sono giunti segnali di nuove e più allettanti offerte. L'area tecnica e Inzaghi, invece, prima di far partire lo slovacco vorrebbero blindare l'accordo con il Toro per Bremer. Altrimenti rischierebbero di trovarsi senza il loro numero 37 e senza il sostituto designato. Per Simone, che vuole a tutti i costi il brasiliano o, in alternativa, non privarsi di Skriniar, sarebbe una botta durissima. 

Bremer a parte e la Juve...

Cherubini si è mosso su Bremer attraverso l'intermediario Bertolucci e questo inserimento fa il gioco di Cairo che così può continuare a chiedere oltre 40 milioni per il miglior difensore della scorsa Serie A. Gli uomini mercato di Agnelli tengono vive altre piste, quelle che portano a Gabriel e Pau Torres, ma Allegri insiste per il centrale del Toro, il più "marcatore" di tutti. Ecco perché il patron granata domani potrebbe non avere interesse a chiudere l'operazione. Lui tifa per un'asta anche se due paletti li ha ben presenti: 1) Bremer vuole l'Inter e il like su Instagram a una sua caricatura con la maglia nerazzurra lo conferma (ieri si è allenato a parte su un campo secondario nel ritiro austriaco), 2) difficile con una clausola rescissoria da 15 milioni che si "attiverà" a gennaio andare troppo in là con le richieste. Anche perché, se l'Inter non può concludere l'operazione solo con il gradimento del calciatore, neppure Cairo può arrivare alle firme con la Signora senza il via libera di Bremer. Impossibile che rifiuti la Juve? Dopo aver detto no al Tottenham e Milan, in viale della Liberazione sono convinti che il patto con il difensore terrà anche di fronte all'assalto bianconero. Nonostante ciò, però, hanno deciso di giocare d'anticipo perché la certezza assoluta non ce l'hanno.

Le differenze

L'Inter per Bremer era partita da una valutazione di 28-30 milioni, compresi i bonus. Adesso è arrivata a 30 a cui aggiungere una parte variabile, ma non intende raggiungere quota 40 che invece Cairo punta a superare. L'incontro di domani ha come scopo quello di limare o azzerare la distanza economica. Possibile che a 32-33 milioni più bonus si possa trovare una quadra, magari inserendo come contropartita tecnica Casadei. L'Inter valuta il cartellino del centrocampista 7-8 milioni perché il ragazzo piace al Sassuolo e ad altri club. Cairo accetterà questa valutazione? E soprattutto, se darà l'ok definitivo a inserire Casadei nella trattativa Bremer, acconsentirà a fissare una recompra, condizione indispensabile perché l'Inter se ne privi? L'intrigo continua.

 


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti