Il Psg non sa più come fare per vincere: preso anche uno psicologo

È la scelta del nuovo allenatore Galtier per dare equilibrio a un gruppo di campioni che continua a fare flop in Champions
Il Psg non sa più come fare per vincere: preso anche uno psicologo© EPA
2 min
Davide Palliggiano

Figure del genere, nel mondo del calcio, sono sempre più presenti. Ed è proprio per questo che il Psg, seppur in notevole ritardo, si sta adeguando. Non solo Vitinha, Ekitike o Mukiele: Christophe Galtier, al ritorno dalla tournée in Giappone, potrà contare anche su uno psicologo. Non per lui, ma per tutta la squadra. Un professionista, come svelato da L’Equipe, che sarà costantemente presente, nei momenti di gioia e di sconforto, una persona che avrà il compito, arduo, di riuscire a regalare equilibrio al gruppo. Il Psg si è convinto dopo le ripetute debacle in Champions: la famosa ‘remuntada’ del Barcellona (2017), lo psicodramma con il Manchester United (2019), ma soprattutto l’ultima disfatta di Madrid, che ha lasciato strascichi non da poco all’interno del Psg. Il compito dello psicologo sarà anche quello di organizzare incontri per lavorare sullo spirito di squadra, quello che le aziende chiamano ‘team building'.

Psg, le parole di Galtier sul mercato

Psg, nuove regole sui pasti

Fare gruppo è l’obiettivo principale del nuovo ds Luis Campos e di Galtier. Tra le nuove regole imposte al Camp des Loges c’è quella di compattare la squadra anche attraverso i pasti. Ci sarà l’obbligo, per i calciatori, di fare colazione e pranzo insieme (senza cellulari).

Psg, spettacolo in amichevole: assente Wijnaldum
Guarda la gallery
Psg, spettacolo in amichevole: assente Wijnaldum

Al Psg anche un nutrizionista

La corretta alimentazione è un altro step su cui il Psg sta lavorando: proprio per questo, oltre allo psicologo, è stato ‘ingaggiato’ anche un nutrizionista. Una figura che il club ha già nel suo organico, ma che si occupa di tutte le sezioni sportive, dalle giovanili alla squadra femminile, passando per le squadre di pallamano e judo. Dalla prossima stagione, Messi e compagni ne avranno uno tutto per loro. Un accorgimento, stavolta extra campo, che ha il solito obiettivo: vincere la Champions, la più grande ossessione della proprietà qatariota.

 


Commenti