Bajrami alla Fiorentina: il piano dopo il vertice di mercato

Jovic, Milenkovic ma non solo: ecco di cosa si è parlato nel summit andato in scena a Firenze tra la dirigenza della Fiorentina, Italiano e Fali Ramadani
Bajrami alla Fiorentina: il piano dopo il vertice di mercato© Getty Images
4 min
Andrea Giannattasio
Tagsbajrami

FIRENZE Luka Jovic, Nikola Milenkovic ma non solo. C’è stato anche un altro elemento del quale si è parlato con attenzione nel vertice di mercato andato in scena martedì a Firenze alla presenza di Vincenzo Italiano, della dirigenza della Fiorentina e di Fali Ramadani. E si tratta in particolar modo dell’albanese Nedim Bajrami, trequartista classe ’99 di proprietà dell’Empoli che nell’ultima stagione - la prima in Serie A per il giocatore, arrivato tre anni fa in Italia dal Grasshopper - si è messo in mostra con nove gol e sette assist tra campionato e Coppa Italia. Un pallino già di tante formazioni di prima fascia in vista dell’imminente sessione estiva di calciomercato e, da qualche giorno, l’ultima idea anche dell’area tecnica viola, che vorrebbe garantire al suo allenatore una pedina duttile (reputata ancora in piena maturazione per ciò che riguarda la posizione in campo e dunque in grado di trasformarsi in fretta da fantasista a mezzala) che oltre ad apportare cambio di passo e pericolosità sotto porta - caratteristiche che mancano a buona parte dei centrocampisti oggi in rosa - possa anche dare equilibrio a una mediana che almeno fino a primavera dovrà fare a meno di Castrovilli.

Fiorentina, Ramadani alleato

Il gancio per arrivare a Bajrami sarebbe come al solito propiziato dalla sua agenzia, ovvero la Lian Sports di Ramadani, che nell’ambito di uno spostamento di elementi più ad ampio respiro (la pista al momento più calda resta quella di Jovic) potrebbe farsi garante anche per aprire alla Fiorentina una via privilegiata sul nazionale albanese, nei mesi scorsi accostato anche a Lazio e Sassuolo e all’estero all’Hertha Berlino. La valutazione che l’Empoli fa del suo fantasista è per adesso in doppia cifra (non si scende sotto i 10 milioni di euro) ma, da un lato, il fatto che al momento la concorrenza non sia troppo agguerrita e dall’altro che il contratto dell’albanese sia in scadenza tra due anni fanno pensare che con la giusta diplomazia - i rapporti tra le società di Corsi e di Commisso sono ottimi - si possa giungere a un felice epilogo. Anche perché, in ballo, resta sempre il nome di Szymon Zurkowski, per il quale ormai da quasi una settimana sono scaduti ufficialmente i termini entro i quali l’Empoli poteva esercitare il diritto di riscatto, versando ai viola i 4,5 milioni concordati la scorsa estate. Nessun problema, viene fatto sapere da viale Fanti: i dialoghi vanno avanti e l’intenzione è quella di accontentare il prima possibile il polacco, che in provincia si trova bene e che (soprattutto) non rientra più di tanto nei piani di Italiano a Firenze. Anche per questo le contrattazioni stanno procedendo con fiducia. 

Ufficiale, Fiorentina: Italiano ha rinnovato fino al 2024
Guarda il video
Ufficiale, Fiorentina: Italiano ha rinnovato fino al 2024

Mercato Fiorentina, due scenari in ballo

Due gli scenari attualmente ancora in ballo: il primo prevede che Zurkowski possa essere del tutto acquistato dall’Empoli per una cifra inferiore ai 3 milioni garantendo però in futuro alla Fiorentina di incamerare una parte (cospicua) dei ricavi in caso di futura rivendita del giocatore, l’altro invece - quello più probabile - trasformerebbe il cartellino del polacco in un bonus-sconto per arrivare a una delle pedine azzurre più seguite dai viola negli ultimi mesi. Oltre a Vicario (pista che ormai pare essersi raffreddata), resta in ballo il nome del terzino sinistro Parisi

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti