Sorpresa Juve: spunta anche Asensio nella lista di Allegri

Da Mudryk e David Neres dello Shakhtar a Kostic dell’Eintracht: tutte le alternative sul taccuino dei bianconeri
MARCO ASENSIO Lo spagnolo sta riscontrando difficoltà a rinnovare il contratto in scadenza la prossima stagione, dunque l’ipotesi prestito al momento non è contemplata. L’unica soluzione per il Milan sarebbe quella dell’acquisto, ma i campioni di Spagna chiedono 25- 30 milioni di euro. Il suo recente passaggio nella scuderia Jorge Mendes non ha semplificato le cose perché Asensio vorrebbe strappare un ingaggio alto, da 6 milioni, al suo prossimo contratto. Cifre che al momento i rossoneri non possono raggiungere. Si sta cercando di lavorare ai fianchi per tentare di abbassare le pretese ma c’è anche la concorrenza in Premier League che complica la situazione© Pressinphoto
5 min
Nicola Balice
TagsjuveCalciomercatoAsensio

TORINO -  Ci sono gli obiettivi primari. Poi ci sono le alternative. Su queste la Juve ora è chiamata a lavorare con particolare urgenza. Magari provando ad accelerare su piste che erano state battute indipendentemente da quegli obiettivi primari, giocatori di prospettiva su cui si stava ragionando in ottica futura.  

Juve su Mudryk

In questa categoria rientra di diritto il profilo di Mykhaylo Mudryk, talento cristallino dello Shakhtar Donetsk che la Juve valuta con estrema attenzione da un po' di tempo. Con una benedizione particolare riguardo al fatto che possa fare subito al caso di un grande club come quello bianconero nonostante i soli 21 anni: quella di Paolo Bianco, vicino a entrare nello staff tecnico di Max Allegri dopo l'ultimo triennio trascorso alla corte di Roberto De Zerbi prima al Sassuolo e poi proprio allo Shakhtar. 

La Juve che verrà: da Di Maria a Pogba, i colpi per tornare al top
Guarda la gallery
La Juve che verrà: da Di Maria a Pogba, i colpi per tornare al top

La situazione

È forte, molto forte. Questo è quanto emerge dalle relazioni dello scouting, soprattutto dai racconti diretti di chi lo conosce bene e l'ha visto crescere. Ucraino, classe 2001, esterno d'attacco, destro di piede che ama partire da sinistra, ha appena esordito con la maglia della sua Nazionale in occasione delle due sfide playoff per il Mondiale in Qatar che poi hanno sorriso al Galles. È giovane, è di talento. Ma è pronto? Su questo si ragiona in casa Juve, dove il suo profilo sta diventando di grande attualità, forse indipendentemente dalla fine della telenovela Di Maria. Sempre in un momento particolarmente delicato come quello che sta attraversando lo Shakhtar e tutto il movimento calcistico ucraino, ovviamente: l'affare Marcos Antonio della Lazio però dimostra come sia arrivato il tempo delle decisioni per tanti giocatori, orientati a lasciare lo Shakhtar a condizioni quantomeno vantaggiose per i club acquirenti. Nel caso di Mudryk il prezzo giusto potrebbe avvicinarsi ai 10 milioni di euro.

Anche David Neres sul taccuino della Juve

Oltre al talento ucraino, anche il brasiliano David Neres è sul taccuino degli uomini mercato bianconeri. L'ex Ajax è arrivato allo Shakhtar solo lo scorso gennaio, quando si era presentata la possibilità di completare la stagione in altri club proprio la Juve aveva pensato anche a Neres per poi lasciare cadere l'idea. Strada facendo è stato il Benfica ad avvicinarsi a passi spediti verso di lui, in questi giorni la Juve sta provando a capire eventuali margini di inserimento e i costi dell'operazione, con ogni probabilità più alti di quelli necessari per arrivare a Mudryk. Lui sì, però, come alternativa a Di Maria anche per caratteristiche: mancino che ama partire da destra, anche se quando affrontò la Juve con l'Ajax si era imposto come scheggia impazzita sulla fascia sinistra.

Le alternative: da Kostic ad Asensio

In ordine sparso poi proseguono i contatti per altri giocatori. Come Filip Kostic, serbo di trent'anni dell'Eintracht Francoforte che da tempo strizza l'occhio al campionato italiano, il suo agente Alessandro Lucci ne ha parlato anche con la Juve ma resta forte il forcing del club tedesco per rinnovargli il contratto in scadenza tra un anno.  
Molto più suggestiva la voce rimbalzata dai media spagnoli che vorrebbero anche Marco Asensio nel mirino bianconero, pure l'asso spagnolo ha il contratto in scadenza nel 2023 e attende segnali chiari dal Real Madrid: «Penso che ci siano tre possibilità, che rinnovi con il Real Madrid, che me ne vada subito, ma anche di restare un'altra stagione rispettando il contratto per poi andare altrove», le parole di Asensio rilasciate in questi giorni.

Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti