Juve, la trattativa tra Rabiot e lo United si gioca sull’ingaggio

Il francese e il club inglese trattano i dettagli: resta la distanza su ingaggio e commissioni ma anche la volontà di arrivare a una fumata bianca
Juve, la trattativa tra Rabiot e lo United si gioca sull’ingaggio© LAPRESSE
3 min
Nicola Balice
TagsRabiotJuventusManchester United

TORINO - C'è una novità in arrivo da Barcellona che riguarda la Juve: Memphis Depay è molto più vicino alla risoluzione contrattuale con il club blaugrana. Da limare ancora alcuni dettagli delicati che forse dettagli non sono, ma ieri l'entourage del giocatore olandese ha avuto un nuovo contatto con la dirigenza bianconera: ulteriori passi avanti figli proprio di un'intesa sempre più vicina per liberarsi dal Barcellona, solida già da diversi giorni la pole position di Depay per completare l'attacco della Juve, la concorrenza non spaventa, si può procedere alla definizione dell'accordo biennale (con opzione per il terzo anno) da oltre 5 milioni netti l'anno. Sullo sfondo le alternative, da Anthony Martial e Luis Muriel in poi.

Rabiot e Paredes

Preso Filip Kostic e avvicinato Memphis Depay, c'è sempre Leandro Paredes al centro del mirino bianconero per il centrocampo. Rassicuranti i contatti recenti con l'entourage dell'argentino, resta la Juve la sua prima scelta e l'intesa economica è blindata da tempo, ma manca ancora l'accordo col Psg soprattutto in termini di formula (valutato 20 milioni, la Juve vuole un prestito con diritto di riscatto). E manca anche una cessione pesante a centrocampo, a fargli posto (in attesa di sviluppi sul fronte Arthur) può essere Adrien Rabiot: positivi l'incontro torinese tra John Murtough del Manchester United e mamma Veronique, resta la distanza su ingaggio e commissioni ma anche la volontà di arrivare a una fumata bianca magari già durante la prossima settimana. Non sembrano esserci invece problemi tra Juve e United riguardo la valutazione da circa 15 milioni di sterline (quasi 18 milioni di euro).

Kostic e Pellegrini

«Non è difficile dire di sì alla Juventus». Così Filip Kostic spiega la sua decisione di mettere il club bianconero davanti a tutto. «Se la Juve arriva, non importa quando, è sempre il momento giusto», aggiunge l'esterno serbo. Ufficiali intanto le cifre dell'operazione da 16,5 milioni: 12 più 3 di bonus all'Eintracht, fino a un massimo di altri 1,5 milioni tra oneri accessori e contributo di solidarietà Fifa. Sempre grande traffico comunque sulla tratta aerea Torino-Francoforte: ieri è tornato in Germania proprio Kostic per le ultime pratiche burocratiche, in mattinata anche Luca Pellegrini è volato a Francoforte per per completare il prestito all'Eintracht.


Commenti