Corriere dello Sport

Roma

Vedi Tutte
Roma

Champions, Garcia: «Vai Roma non sbagliare»

© Ansa

«Anche pareggiando resteremmo in corsa fino alla fine. E questo è un successo. Maicon? Non era pronto a giocare»

 Roberto Maida

lunedì 24 novembre 2014 17:27

MOSCA - Scherza di fronte alla sfortuna che continua a sottrargli giocatori. «De Sanctis risponderà alle domande in russo» annuncia Rudi Garcia nella conferenza stampa che precede l’allenamento al gelo della Khimki Arena, in un clima di serenità. «Non sono preoccupato dalle assenze, anche tra i terzini destri. Qualcuno metterò da quella parte, a meno che non si inventi un sistema per giocare senza un uomo a destra. Chi giocherà alla fine su quel lato? Florenzi, Somma o un altro che non vi dico».

APPROCCIO - E’ l’atteggiamento che conta per Garcia. Più dei numeri, più dei singoli, più dei moduli. Non esclude di cambiare sistema di gioco ma... «l’importante sarà essere pronti a colpire l’avversario. O anche a modificare tattica in corso d’opera. Siamo venuti a Mosca per vincere e faremo di tutto per vincere. Ma anche un pareggio ci consentirebbe di avere il destino nelle nostre mani senza dover dipendere dagli altri risultati. Penso che questo sia un grande successo per la Roma, perché in Europa esistono squadre molto più forti della nostra». Non si aspetta una passeggiata dopo il 5-1 dell’andata anche se rimarca una verità: «Abbiamo un vantaggio, che è il risultato dell’Olimpico. Però sappiamo che sarà una partita molto diversa. Avevo detto dopo la prima partita che il Cska avrebbe fatto parecchi punti in questo girone». Nessun timore anche per il mal di trasferta della Roma, poco brillante anche contro l’Atalanta nonostante la vittoria: «E’ difficile fare un bilancio quando hai giocato fuori casa contro Manchester City, Napoli e Bayern (anche la Juve ma lui non la nomina, ndi). Non tutto è stato perfetto ma il nostro percorso è stato positivo».

MANCANZA - Garcia sperava di avere Maicon, non è stato accontentato: «Non era pronto a giocare. Abbiamo aspettato fino all’ultimo sia lui che Torosidis ma poi ci siamo resi conto che non ci sarebbero state possibilità. Maicon purtroppo non si è allenato neanche una volta con la squadra». Proprio a causa dell’assenza di un terzino destro di ruolo, la Roma potrebbe cambiare pelle e passare al 4-4-2 con Totti e Gervinho in attacco e Pjanic pronto al supporto in fase di possesso palla.

Per Approfondire