Corriere dello Sport

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Juve, Napoli, Roma e Fiorentina: il dovere di crederci

Juve, Napoli, Roma e Fiorentina: il dovere di crederci
© LaPresse

Ecco perché le italiane ancora in corsa possono vincere entrambe le coppe europee

di Alessandro Vocalelli

mercoledì 7 dicembre 2016 22:52

Perché non potremmo vincerle tutte e due, le Coppe europee? Già, detta così può sembrare - e forse lo è - una provocazione, una previsione estrema, o semplicemente una missione impossibile. Però perché non crederci? In Champions League abbiamo, avremo, agli ottavi di finale una Juve che vuole recitare ancora da protagonista, si è attrezzata per questo con l’arrivo di un fuoriclasse come Higuain - visto che gol con la Dinamo? - e vuole rinforzarsi ancora di più a gennaio. Si parla di Witsel, per fare solo un esempio, un grande centrocampista: difficile, molto difficile, pensare a qualcosa di meglio nel mercato di .. E poi la Juve - quando ripartirà la Coppa - ritroverà Bonucci, avrà ritrovato Barzagli, avrà appunto finito il rodaggio di Higuain, avrà anche inserito definitivamente un grande giocatore come Pjanic. Insomma, la Juve ha tutto per giocarsela alla pari con le migliori d’Europa. E comunque nel lotto delle sorprese, delle possibili sorprese, ci sarà anche il Napoli di Sarri che ha superato il momento più complicato e, insieme a Milik, avrà quasi certamente un altro attaccante di livello. Certo, oggi i bookmakers non mettono il Napoli tra le favorite, ma la Champions riserva sempre molte sorprese e non sempre vincono i più forti, ma può capitare che a primeggiare siano i più bravi. E il Napoli ha tante volte dimostrato di avere, in questo senso, caratteristiche molto importanti.

E poi l’Europa League, che ha conosciuto le otto squadre che sono scese dalla Champions. Niente di trascendentale, con il Tottenham come rivale più temibile. Certo, ci sarà quasi certamente il Manchester United, i pericoli possono venire da formazioni di livello- come Zenit, Schalke e Shakhtar - , o da club famosi come Ajax e Anderlecht, ma perché non pensare, immaginare, che una squadra come la Roma - con giocatori di assoluto livello internazionale - non possa davvero arrivare sino in fondo? Senza pensare, e vale il discorso fatto per il Napoli in Champions, che avremo in Europa League anche la Fiorentina, a un passo dalla qualificazione, con le sue ambizioni e la possibilità di piazzare il colpo a sorpresa. Insomma, è presto per dirlo, sicuramente un azzardo, o magari soltanto una provocazione, ma chissà che l’Europa quest’anno non possa finire davvero per parlare italiano. Una missione impossibile?

Articoli correlati

Commenti