Corriere dello Sport

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Juventus, Buffon: «Puniti dagli episodi, ma il Real Madrid ha meritato»

Juventus, Buffon: «Puniti dagli episodi, ma il Real Madrid ha meritato»
© EPA

Il capitano bianconero dopo il ko in finale: «Per vincere bisogna essere più forti delle avversità». Agnelli; «Ricominceremo con più cattiveria»

Sullo stesso argomento

 

domenica 4 giugno 2017 00:03

CARDIFF (Galles) - “E’ una grande delusione perché pensavamo di aver fatto tutto il necessario per vincere questa finale". Gianluigi Buffon è ovviamente deluso dopo la finale di Champions League persa contro il Real Madrid"Abbiamo fatto un grandissimo primo tempo dove abbiamo messo alle corde il Real, abbiamo corso tantissimo a abbiamo avuto l’approccio giusto ma non siamo riusciti a concretizzare. Poi non ci girano mai bene gli episodi e questo dispiace molto. Ma è anche vero che per vincere questa coppa bisogna essere più forti anche delle avversità. Nella ripresa è uscita la loro classe e la loro attitudine a vincere queste gare e hanno vinto meritatamente ma i rimpianti ci sono perché gli episodi sono girati male”.

AGNELLI - Andrea Agnelli, presidente della Juventus, fa invece un bilancio stagionale: “Siamo orgogliosi del percorso che abbiamo fatto in questi sette anni - dice a Premium Sport -. Attraverso il lavoro e la programmazione abbiamo raggiunto una consapevolezza totale e l’anno prossimo dovremo andare in campo ancora più cattivi di come abbiamo fatto finora. In tutti noi c’è la volontà di migliorarsi, di crescere sapendo che questa è una competizione in cui se sbagli anche solo 15 minuti non arrivi ad alzare il trofeo. La differenza tra primo e secondo tempo? Non è mio compito commentare gli aspetti tecnici di una partita. Io giudico l’annata e l’annata ci deve rendere orgogliosi, ma al tempo stesso questo finale ci deve dare ancora più cattiveria, questa sconfitta ci deve dare ancora più stimoli. Cosa ho detto ai giocatori a fine partita? Che dobbiamo ricominciare con la cattiveria di sempre. In questi momenti tutti devono sapere che hanno il mio appoggio e che sono orgoglioso di loro per la stagione fatta. Ora ci ritroveremo con lo staff dirigenziale e valuteremo cosa dovremo fare l’anno prossimo per colmare questo gap, ma dico anche che se questi sono i problemi, c’è chi sta peggio di noi. E aggiungo: non so cosa sia successo di preciso a Torino, ma mando il mio messaggio di solidarietà a tutti i tifosi. Il mio auspicio è di invitarli a Kiev l’anno prossimo.”

Articoli correlati

Commenti