Corriere dello Sport

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Raccolti 40 mila euro per Sean Cox: tante donazioni dai tifosi della Roma

Raccolti 40 mila euro per Sean Cox: tante donazioni dai tifosi della Roma

Gara di solidarietà tra i tifosi, anche giallorossi, per pagare le spese sanitarie al tifoso irlandese del Liverpool in coma farmacologico dopo un brutale assalto prima della semifinale di Champions League.

 

venerdì 27 aprile 2018 11:50

LONDRA - Gara di solidarietà tra i tifosi, anche della Roma, per pagare le spese sanitarie di Sean Cox, il tifoso irlandese del Liverpool in coma farmacologico dopo un brutale assalto prima della semifinale di Champions League. La raccolta fondi online, sul sito GoFundMe, è cominciata in seguito al ricovero d'urgenza di Cox, e in un solo giorno ha già raggiunto i 40mila euro. Soldi necessari a aiutare la famiglia a coprire le cure del 53enne irlandese, padre di tre figli. Tra i donatori, oltre ai supporters del Liverpool, anche tifosi del Manchester United (storici rivali dei Reds) e della Roma, che hanno voluto accompagnare le proprie donazioni con messaggi di sostegno e incoraggiamento. "Vi prego di accettare i miei soldi, sono un appassionato di sport, tifoso della Roma, da sempre ammiratore del Liverpool, profondamente sconcertato e disgustato dal comportamento di una minoranza di selvaggi che non meritano di rappresentarci", scrive un tifoso giallorosso.

Vertice al Viminale

TANTI ROMANISTI - Uno dei numerosi donatori, circa duemila finora, molti dei quali di fede romanista. "Sono un tifoso della Roma e condanno la violenza! Mi dispiace Sean per quanto successo, riprenditi presto", un altro tifoso italiano. E ancora: "Sinceri auguri di pronta e piena guarigione per Sean Cox, i miei pensieri e le mie preghiere alla famiglia e ai suoi amici". Nel frattempo restano in carcere Filippo Lombardi, 20 anni, e Daniele Sciusco, 29 anni, i due tifosi romanisti arrestati per i disordini fuori da Anfield, ritenuti responsabili dell'aggressione di Cox. L'inizio del processo che li vede imputati è fissato per il 24 maggio, fino ad allora i due italiani resteranno in stato di detenzione a Liverpool.

La Roma non teme sanzioni

Articoli correlati

Commenti