Pochettino:
© EPA
Champions League
0

Pochettino: "Il mio futuro? C'è solo la finale di Champions League"

L'allenatore del Tottenham ha parlato nel media day dedicato agli Spurs: "Non sarà una battaglia tattica contro Klopp, sarà soprattutto una questione di emozioni"

ROMA - Sabato 1 giugno al Wanda Metropolitano di Madrid si affronteranno Liverpool e Tottenham nella finale di Champions League. Mauricio Pochettino, allenatore degli Spurs, ha parlato nel media day dedicato alla squadra londinese: "Oggi non c'è niente di più importante di quello che abbiamo davanti".

SKOMINA ARBITRA LA FINALE

IL MANCHESTER CITY RISCHIA

Futuro incerto

L'allenatore argentino, nelle scorse settimane, ha messo in dubbio la sua permanenza sulla panchina del Tottenham, ma è riuscito ugualmente a dribblare le domande dei giornalisti sul suo futuro: "Pensare alle cose individuali è un po' imbarazzante. Possiamo scrivere la nostra storia e regalare ai nostri tifosi la migliore delle gioie. Non è importante il mio futuro, abbiamo cose più grandi davanti, l'unica cosa a cui penso è giocarcela con tutte le emozioni che la Champions ti porta. Le voci sono voci ma restano lì, la nostra concentrazione è al 200% sulla finale. Dopo la finale ci sarà tempo per parlare".

Lavoro duro

Pochettino e il Tottenham non hanno alcuna intenzione di lasciarsi sfuggire la Champions League. "Mi sto divertendo molto. Ho pensato molto a questi giorni, sono passati 5 anni da quando ho firmato il contratto col Tottenham ed è stato un periodo incredibile. Nelle ultime due settimane abbiamo lavorato molto ma ci stiamo divertendo nel preparare questa partita. Essere in finale di Champions è un risultato incredibile per questo club, abbiamo lavorato sodo e sviluppato un progetto diverso da quello di altri club".

Sfida a Klopp

"Non sarà Pochettino contro Klopp o una battaglia tattica - conclude l'argentino -, sarà soprattutto una questione di emozioni. Sarà una partita completamente diversa da quelle vissute in Premier, non possiamo prepararla guardando ai mesi scorsi perché si gioca in una competizione dove non ci siamo mai affrontati. Dobbiamo farci trovare pronti, siamo due squadre che si conoscono benissimo ma sarebbe un errore grave prepararla pensando alle sfide precedenti".

Il "peso" della Champions sui conti dei top club

Tutte le notizie di Champions League

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti