Coppa Italia al Napoli! Gattuso trionfa su Sarri

Juve sconfitta ai rigori dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari: decisivi gli errori di Dybala e Danilo dal dischetto
© FOTO MOSCA
Vladimiro Cotugno

ROMA - Due pali, uno per tempo, nei 90' regolamentari, e una serie di rigori perfetta: il Napoli si prende la sesta Coppa Italia della sua storia, con il primo trionfo nella carriera di allenatore di Gennaro Gattuso, battendo meritatamente una Juve superata nel gioco e poi anche nel risultato. Sarri resta a bocca asciutta: seconda finale consecutiva persa dal tecnico alla guida dei bianconeri dopo quella di Supercoppa contro la Lazio. Un trionfo emotivamente intensissimo, quello di Ringhio, che alla fine dei tiri dal dischetto prima di festeggiare raggruppa i suoi uomini per un discorso fortissimo, concluso dalla promessa di provare a centrare anche la qualificazione Champions.

Khedira ko, gioca Pjanic. Callejon innesca la Juve, Rui-Alex Sandro: furia Gattuso

Sarri deve rinunciare a Khedira, dato per titolare e fermato da un problema muscolare nelle ore precedenti la partita: gioca Pjanic con Bentancur e Matuidi mezzali. Tutto confermato per Gattuso. Primo sussulto al 6', quando il pressing della Juve porta Callejon a sbagliare un disimpegno pericoloso: Dybala è furbo a recuperare palla e a servire Ronaldo, il portoghese di prima non riesce ad angolare abbastanza il diagonale respinto da Meret in tuffo, poi Douglas Costa perde il tempo della ribattuta. Napoli che si difende ordinato con il suo 4-5-1, palla tra i piedi dei bianconeri che faticano a trovare spazi. Al quarto d'ora proteste di Gattuso per un intervento di Alex Sandro su Mario Rui che cade in area: l'intervento del brasiliano, che inizia fuori area, sembra chiaramente irregolare. Di nuovo Juve pericolosa al 20', ancora grazie a un errore in disimpegno di Callejon a ridosso della sua area: Ronaldo serve Bentancur che da fermo conclude, Meret è ben piazzato e blocca.

Napoli-Juve, tifosi virtuali in Coppa Italia: quante ironie sul web
Guarda la gallery
Napoli-Juve, tifosi virtuali in Coppa Italia: quante ironie sul web

Insigne, palo su punizione. Meret salva su CR7, Buffon decisivo due volte

Al 24' occasionissima Napoli: Zielinski guadagna una punizione dai 25 metri tra le proteste di Bentancur e di tutta la Juve, è la zolla di Insigne che a giro supera la barriera e anche Buffon, salvato solamente dal palo. Dybala non controlla in area, Sandro duro su Fabian Ruiz graziato da Doveri. Manca il coraggio della giocata alla Juve, dribbling spesso all'indietro di chi è chiamato a fare la differenza: passa la mezz'ora con Doveri non vede un fallo di Koulibaly su CR7 e con Dybala che in contropiede serve Ronaldo, anticipato di un soffio da un attentissimo Meret. Replica del Napoli: Mertens crea il panico in area, Alex Sandro respinge un tiro cross velenoso di Insigne, Demme si infila nei sedici metri e a tu per tu con Buffon si vede respingere il diagonale a botta sicura. Dal corner palla a Insigne e destro su cui si supera ancora un Buffon decisivo: all'intervallo è 0-0, con Dybala che va giù in area proprio nell'ultima azione.

Napoli-Juve, c'è anche Agnelli in campo per dare la carica ai bianconeri
Guarda la gallery
Napoli-Juve, c'è anche Agnelli in campo per dare la carica ai bianconeri

Politano e Milik, carte pericolose, Elmas trova Buffon e il palo al 93'!

Si riparte senza cambi e con il giallo a Bonucci per una trattenuta su Fabian Ruiz. Alex Sandro fa preoccupare Sarri per un movimento innaturale del ginocchio su un contrasto, poi il terzino stringe i denti e resta in campo. Napoli più propositivo, ancora con Fabian Ruiz che di sinistro non trova la porta dal limite dell'area. Si entra nell'ultima mezz'ora con Bonucci che ci prova da 40 metri, trovando la porta ma anche un sicuro Meret. Primo cambio bianconero, fuori Douglas Costa per Danilo con Cuadrado che si alza sulla linea degli attaccanti. Risponde Gattuso con Politano e Milik al posto di Callejon, e i nuovi si prendono subito la scena: il primo mette prima paura a Buffon con un rasoterra velenoso e poi con un velo splendido libera al tiro il polacco, che si divora di destro l'1-0 mandando alto dall'altezza del dischetto. Entra anche Bernardeschi per Pjanic, manca un quarto d'ora, giallo anche per Mario Rui in tackle su Dybala. Allan per Fabian Ruiz, Hysaj per Mario Rui, Politano di testa che impegna Buffon. Squadre lunghe, ammonito anche Dybala per fallo su Demme, Politano illumina un contropiede con Insigne che di sinistro manda alto sprecando un'altra occasione. Ramsey per Cuadrado ultima mossa di Sarri, Elmas per Zielinski quella di Gattuso, si pensa ormai ai rigori ma solo dopo il secondo palo del Napoli al 93': corner regalato da Bernardeschi, colpo di testa di Maksimovic respinto da Buffon, Elmas a botta sicura a due metri dalla porta si vede deviare il pallone dal portiere sul palo con un intervento prodigioso che regala i penalty ai bianconeri.

I rigori: Meret para Dybala, Danilo manda alto, Milik regala la Coppa Italia al Napoli

Parte la Juve, dal dischetto Dybala si fa ipnotizzare da Meret. Risponde Insigne, Buffon spiazzato. Danilo il secondo rigorista bianconero, palla alta sulla traversa. Buffon intuisce il sinistro di Politano ma non riesce a deviare, 2-0 Napoli. Bonucci spiazza Meret, traversa e gol, la Juve si aggrappa a Buffon contro Maksimovic: il serbo non sbaglia con un siluro centrale sotto la traversa, Ramsey rimanda solo la sconfitta bianconera che arriva con il sinistro di Milik che spiazza Buffon e regala la sesta Coppa Italia al Napoli.

 

Commenti