"Finale Coppa Italia? Può essere aperta al pubblico al 15-20%"

Il sottosegretario al ministero della salute Costa: "Da tempo sostenevo che ci volesse un piano per la riapertura per dare speranza ai cittadini"
"Finale Coppa Italia? Può essere aperta al pubblico al 15-20%"© Getty Images

NAPOLI -Apertura stadi a Maggio? Ieri è stata una giornata importante, da tempo sostenevo che ci volesse un piano per la riapertura per dare speranza ai cittadini. Dal 26 Aprile, vorremmo far fare anche calcetto e gli sport di contatto". Lo ha dichiarato Andrea Costa, sottosegretario al ministero della salute, con delega allo sport, ai microfoni di Radio Punto Nuovo: "Lo sport è importantissimo, bisogna considerare sia i professionisti che gli amatori. Da metà maggio riapriranno le piscine e a Giugno le palestre. Per l’inizio degli europei ci sarà il 25%. La finale di Coppa Italia può essere un evento apribile al pubblico, magari con una percentuale minore del 15-20%. Il piano vaccinale è importantissimo, ci permette ad ora di somministrare 10 milioni di dosi al mese. Abbiamo l’estate alle porte e dunque il virus potrà essere combattuto meglio. Divisioni in fasce? La priorità sono le persone fragili, perché permette agli ospedali di far riaprire altri settori oltre al covid. Bisogna svuotare le terapie intensive. Appena dopo le persone fragili, bisogna considerare i lavoratori pubblici. Turismo? Io sono consapevole che il turismo è fondamentale, però nel nostro paese ci sono molte attrattive. La mia idea è più lavorare per arrivare ad una vaccinazione uniforme ed omogenea. Per le ultime di campionato sarà difficile avere tante persone, non essendo un evento unico. Vezzali? Può dare un grande contributo al mondo dello sport. Il calcio ha fatto da apripista per le riaperture”.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti