Coppa Italia: Salernitana trascinata da Bonazzoli, Sampdoria di rimonta

I granata superano per 2-0 la Reggina all'Arechi grazie alle due reti segnate dal nuovo attaccante, mentre i liguri vanno sotto due volte ma superano 3-2 l'Alessandria
Coppa Italia: Salernitana trascinata da Bonazzoli, Sampdoria di rimonta© FOTO MOSCA
TagsSalernitanaArechiReggina

SALERNO - Buona la prima per la Salernitana, che dopo aver festeggiato il ritorno in Serie A inizia alla grande la nuova stagione: davanti ai tifosi tornati a gremire l'Arechi i granata stendono la Reggina con una doppietta di Bonazzoli (2-0) e staccano il pass per i sedicesimi della Coppa Italia. A partire meglio sono gli ospiti che nel primo tempo scaldano i guanti di Belec un paio di volte con Laribi e sfiorano la traversa con l'ex romanista Federico Ricci, mentre sull'altro fronte ci si affida alle conclusioni dalla distanza di Coulibaly la cui mira è però da rivedere. Controllato a vista dai difensori calabresi infatti, sembra intanto 'ingabbiato' il bomber Bonazzoli (all'esordio con i granata) che però si illumina a un soffio dal riposo: stop sull'assist di Ruggeri, veronica sul proprio marcatore e sinistro di controbalzo con palla all'angolino e tifosi in festa sugli spalti. Sbloccata la gara, si fa in discesa la strada per la squadra di Castori che nella ripresa assesta subito il colpo del ko: al 55' è ancora Bonazzoli con il sinistro a mandare al tappeto la Reggina, stavolta su assist di Kechrida. Ad Aglietti non basta infatti gettare nella mischia l'ex romanista ed ex milanista Jeremy Menez per rientrare in corsa: regge fino alla fine il doppio vantaggio della Salernitana che nel prossimo turno affronterà il Genoa (a sua volta 'giustiziere' del Perugia).

Salernitana-Reggina 2-0: statistiche e tabellino

Troverà invece il Torino la Sampdoria che a Marassi si è imposta in rimonta su una sorprendente Alessandria. Inizio in salita per i blucerchiati di Roberto D'Aversa, sorpresi in avvio da un destro di Chiarello (8'). Il vantaggio infonde ulteriore coraggio ai piemontesi, che non si limitano a difendere mentre sull'altro fronte è la traversa a fermare Jankto e Gabbiadini non trova la porta. Non resta che affidarsi all'intramontabile Quagliarella, che al 28' si 'inventa' il pari con una magia di tacco su cross di Gabbiadini. La situazione sembrerebbe essere tornata sotto controllo in casa doriana, ma c'è da fare i conti con Arrighini che va via in slalom e poi va giù in area dopo un contatto con Bereszynski: per l'arbitro è rigore e Corazza a ridosso del riposo riporta così avanti l'Alessandria. La Samp capisce che non c'è troppo da scherzare, rientra in campo carica e prima pareggia con un sinistro di Gabbiadini (72'), poi sorpassa con un colpo di testa di Thorsby pescato solo in area da Candreva. I 'grigi' di Moreno Longo non si arrendono e provano a rifarsi sotto ma nel finale restano anche in dieci (secondo giallo a Benedetti) e asono costretti a uscire dalla competizione, pur se a testa alta: a passare il turno è la Sampdoria che ai sedicesimi sfiderà il Torino.

Sampdoria-Alessandria 3-2: statistiche e tabellino

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti