La Grana Bretagna

Il commento del Direttore del Corriere dello Sport-Stadio
La Grana Bretagna© EPA
Ivan Zazzaroni
TagsEuro 2020

Si moltiplicano i commentatori che, ispirati dal proprio pessimismo, invitano a non entusiasmarsi troppo per questa Nazionale, dal momento che «non ha ancora affrontato avversarie di valore», e estendono il consiglio agli azzurri che non avrebbero ancora motivo per cantare a squarciagola “Notti magiche”. Almeno sotto questo aspetto siamo migliorati: trentanove anni fa, in Spagna, abbondavano gli inviati specialissimi nel gufare l’Italia di Bearzot prevedendo schiaffoni da Argentina o Brasile.

Essendo (anch’io) ottimista sul futuro del pessimismo, sostengo però che di motivi di preoccupazione dovremmo averne altri, più seri e concreti: in particolare dopo l’intervento del nostro Premier che ha segnalato il sensibile, costante aumento dei contagi in Inghilterra suggerendo di spostare semifinali e finali dell’Europeo da Londra a sedi più sicure. La variante Draghi.

Draghi, che ha messo in notevole difficoltà Gravina, è peraltro spalleggiato dalla Merkel in quella che è stata subito defi nita una (giusta) campagna contro l’intransigenza di Boris Johnson. Il quale ultimamente è assai vicino al presidente dell’Uefa: ricordo che proprio Johnson fu il più accanito oppositore della Superlega e, di rifl esso, il potente alleato di Ceferin e delle federazioni europee nella battaglia contro i dodici fondatori, poi ridottisi a tre - aggiungo che l’Inghilterra punta a ospitare una delle prossime edizioni del torneo continentale.

In altri momenti non ci troverei nulla di allarmante. Il guaio è che dopodomani giocheremo l’ottavo con l’Austria proprio a Londra dove è immaginabile che il clima per la nostra delegazione non sarà dei migliori.

In oltre quarant’anni di calcio ne ho viste di tutti i colori, il mestiere mi ha insegnato a diffidare anche degli angeli: sono cambiato di carattere. Estraendo dalle profondità della memoria, mi auguro perciò che sabato fi li tutto liscio e non si consumino vendette sulla pelle di una squadra bella, sana e antirazzista che ha il diritto di vincere o perdere serenamente la sua partita. Per richiamare sull’Italia la benevolenza del destino, potremmo tuttavia sperare nella presenza a Wembley di qualche uligano a piede libero sopravvis-suto al mondo ultrà imborghesito e ingentilito: qualcuno che gridasse ai ragazzi di Mancini “camerieri!” e sollecitasse la reazione dei nostri, fino a infilare gli austriaci per andare avanti. Magari favorendo un’ipotetica finale con gli inglesi ai quali servire il piatto forte, una lasagna alla Capello

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti