Schick, le magie e i rimpianti dei tifosi della Roma: “Se fosse costante…”

In giallorosso l'attaccante aveva deluso, in Bundesliga sta ritrovando fiducia. i tifosi divisi tra rimpianto e scetticismo
1) Patrik Schick, Scozia - Repubblica Ceca 0-2 (14/06, 1° giornata)© EPA
TagsRomaschickRepubblica Ceca

ROMA - Un gol da lasciare a bocca aperta, soprattutto i tifosi romanisti che tra rabbia, rimpianti e scetticismo hanno visto quell'attaccante esplosivo che si aspettavano di vedere anche in giallorosso. Oggi Patrik Schick con la maglia della Repubblica Ceca ha steso da solo la Scozia con una doppietta incredibile, due gol uno più bello dell'altro. Il primo un colpo di testa in torsione che è terminato all'angolino, il secondo con una magia: un tiro da centrocampo che ha battuto il portiere scozzese infilandosi in porta e creando il panico anche sui social. 

Schick, i rimpianti della Roma

Scatenati soprattutto i tifosi romanisti che hanno celebrato - come tutti - la doppietta del ceco, rimpiangendo di non aver visto lo stesso attaccante alla Roma. Perchè lo Schick visto in giallorosso ha deluso tutte le aspettative. Arrivato a Roma per ben 42 milioni di euro, in due stagioni aveva totalizzato solamente 8 gol in 58 presenze: uno score più che deludente che alla fine ha portato prima al prestito al Lipsia, poi alla sua cessione a titolo definito al Bayer Leverkusen dove ha ritrovato fiducia e gol. Ne ha realizzati 13 in questa stagione, sempre tra qualche infortunio di troppo che ha influito nel suo rendimento anche in Bundesliga. Il ragazzo che è sceso in campo oggi però è sembrato di una pasta totalmente diversa, rigenerato e voglioso di dimostrare tutto il suo valore. 

Schick, super doppietta: la Repubblica Ceca stende la Scozia
Guarda la gallery
Schick, super doppietta: la Repubblica Ceca stende la Scozia

Schick, le reazioni dei tifosi della Roma

E i tifosi romanisti sui social si sono divisi tra rimpianti e scetticismo. “Se fosse costante sarebbe l’attaccante perfetto per Mourinho”, ha postato un giallorosso. E ancora: “Che peccato, io credevo in lui anche ai tempi della Roma, sapevo che prima o poi sarebbe esploso”. Tanti messaggi a sottolineare come Schick sia stato soprattutto molto sfortunato nella sua parentesi nella capitale. Tanti altri invece a voler confermare la discontinuità del giocatore che anche negli ultimi anni in Bundesliga non aveva fatto rimpiangere l’ambiente: “Schick è questo. Segna due gol capolavoro, poi per altre dieci partite non tocca palla e ritorna a essere un centravanti anonimo”. Non solo: “Le sue qualità non di discutono, ha tanto talento ma poco carattere. Purtroppo se la squadra non gira lui si perde nelle negatività e non riesce ad emergere. Un giocatore così può giocare solo a medi livelli, o farsi vedere in partite come l’Europeo, quando si decide tutto in novanta minuti e gli può girare bene”. 

La felicità di Schick

Intanto Schick si gode la doppietta: “Era la partita d'esordio, un match chiave, e per questo siamo super contenti per aver vinto. Partire bene era fondamentale e questo 2-0 e' ottimo. Il mio secondo gol? Durante la partita spesso controllavo la posizione del loro portiere e speravo in una situazione del genere. Era un po' preparata e quando è arrivato quel pallone e ho visto il portiere veramente alto ci ho provato”.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti