Europa League Fiorentina, Sousa: «Bernardeschi va preso come esempio»

Il tecnico viola: «Roncaglia? Deve migliorare a livello emozionale. Ci lavoriamo»
Europa League Fiorentina, Sousa: «Bernardeschi va preso come esempio»

BASILEA - "Applauso negli spogliatoi? E' stato un grande momento di orgoglio di questa squadra, per la qualità e la capacità di gestire questa partita: numerose situazioni che non ci sono state favorevoli, una squadra che ha saputo gestire le difficoltà". Così il tecnico della Fiorentina, Paulo Sousa, al termine della gara con il Basilea: un pareggio ottenuto in inferiorità numerica ha scatenato, negli spogliatoi l'applauso. Ma l'inferiorità numerica è derivata dal momento di "follia" di Roncaglia che con una gomitata si è guadagnato una doccia anticipata: "Ci sono diversi episodi da verificare. Con Facundo e con tutti cerchiamo sempre un grande controllo emozionale. Questo perché noi prima di tutto vogliamo sempre giocare al calcio, pensare al pallone e divertirci giocando. Ci sono giocatori come Facundo che hanno difficoltà nel controllo emozionale. E ci stiamo lavorando". Battuta anche sulla direzione di gara: "Io vivo la partita, rispettando al massimo gli arbitri, ma devo migliorare, mi stresso perchè la vivo, ma per me al triplice fischio è tutto dimenticato. Non ho mai parlato di arbitri finora, a maggior ragione non lo farò oggi".

BERNARDESCHI - "Dove può arrivare Bernardeschi? Oggi ha fatto due gol, ha partecipato a tutte e due le fasi. Capisce meglio come occupare gli spazi, stiamo lavorando su due ruoli per lui: esterno e playmaker, ha un ragazzo che ha la predisposizione a migliorare. E un ragazzo giovane e va preso da esempio".

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti