Milan primo, Pioli: "Non pensavo". Poi il ricordo commosso per Paolo Rossi

Il tecnico rossonero: "Hauge? Spero possa crescere tanto, ha grandissima qualità. Pablito era di una semplicità unica"
Milan primo, Pioli: "Non pensavo". Poi il ricordo commosso per Paolo Rossi© EPA
TagspioliMilanEuropa League

Italia o Europa per il Milan non fa differenza. Pioli è primo in Serie A e ha chiuso in testa al girone anche in Europa League, dettando la legge rossonera. Merito anche di Hauge che ha steso con un bellissimo gol lo Sparta Praga e che l'allenatore ha elogiato: "Ce lo auguravamo fosse così, da avversario avevamo visto quanto era bravo. Spero possa crescere tanto, ha grandissima qualità e siamo soddisfatti di lui. La sua abilità migliore è l’uno contro uno, sprigiona velocità con la palla, ma deve andare forte anche senza pallone. Deve andare oltre il difensore e attaccarlo alle spalle, su questo deve migliorare. Deve stare dentro alla partita con più attenzione alla fase difensiva anche, però è interessante ed è stata brava la società a prenderlo".

Il ricordo di Rossi e gol di Hauge: il Milan vola anche in Europa
Guarda la gallery
Il ricordo di Rossi e gol di Hauge: il Milan vola anche in Europa

Milan primo, Pioli: "Non ce lo aspettavamo"

"Quando comincio una stagione ho sempre tanta fiducia, questa è una squadra di qualità, seria e unita. C’è sempre stata fiducia nel nostro lavoro, chiaro che non pensavamo di avere questi risultati. Siamo bravi a giocare in poco tempo e a dimenticare la gara precedente per concentrarci su quella successiva. Oggi ho ricevuto segnali importanti, ma non avevo dubbi" ha aggiunto Pioli.

Milan, Pioli ricorda Paolo Rossi

"Inter favorita senza le coppe? Non lo so, non ho tempo e voglia per pensare agli altri, voglio pensare al Parma perché sarà difficile da affrontare. Almeno fino a Natale cerchiamo di fare bene, poi gli avversari sono forti, dall’Inter alla Roma, dalla Lazio all’Atalanta. Noi continuiamo così e vediamo. Per me oggi è una giornata molto triste, la scomparsa di Paolo Rossi mi ha colpito. Ho giocato con lui da ragazzino alla Juve, era una persona serena, gentile, disponibile. Sono molto dispiaciuto e faccio le condoglianze alla famiglia. Era sempre una persona che voleva aiutarti, sorridente, determinata, per avendo vinto tutto era di una semplicità unica. Le persone così sono quelle più importanti" ha concluso.

Falcao ricorda Paolo Rossi
Guarda il video
Falcao ricorda Paolo Rossi

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti