Lazio, Acerbi: "Con Sarri serve tempo. Ma dobbiamo dare qualcosa in più"

Il difensore prova ad analizzare il momento negativo della squadra e pensa ai prossimi impegni: "Già domenica voltiamo pagina"
Lazio, Acerbi: "Con Sarri serve tempo. Ma dobbiamo dare qualcosa in più"© EPA

ISTANBUL - Ci mette come sempre la faccia, Francesco Acerbi, davanti ad una sconfitta. La Lazio, dopo il ko contro il Milan, perde anche all'esordio in Europa League contro il Galatasaray. E il difensore, ai microfoni di Lazio Style Channel, ha detto la sua sul momento negativo: "Con il Milan abbiamo fatto una brutta figura, oggi volevamo riscattarci, ma non ci siamo riusciti. Corriamo tanto, a volte a vuoto, mancano ancora un po’ le distanze e sprechiamo energia. Oggi ho comunque visto molti miglioramenti. Peccato, ci è mancato qualcosina in più per portare a casa un risultato importante. Domenica c’è un’altra gara dobbiamo voltare pagina, analizzare gli errori fatti e assolutamente vincere. L'errore di Strakosha? Mi dispiace perché fa un errore che può capitare a tutti. Gioca poco, ma purtroppo sono errori che capitano".

Acerbi e il calcio di Sarri

"È il lavoro che stiamo facendo con Sarri, si sa che ci vuole tempo. Cerchiamo di diminuire questo tempo, testa alta e bisogna dare qualcosina in più da parte di tutti oltre che lavorare con il sorriso. É anche una questione mentale perché ci metti talmente tanta anima per far bene quello che dice il tecnico che a volte cedi. Vuoi fare una cosa in più e non riesci a fare quel che dovresti. Speriamo che già da domenica si volti pagina. Ci deve essere sempre positività, l’importante è portare a casa tre punti e cercare di fare quello che ci dice l'allenatore, al contrario fai una figura come quella di Milano”.

Lazio, papera di Strakosha: fa festa il Galatasaray 1-0
Guarda la gallery
Lazio, papera di Strakosha: fa festa il Galatasaray 1-0

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti