Corriere dello Sport

Fuori dal Campo

Vedi Tutte
Fuori dal Campo

Presunta evasione fiscale, Cristiano Ronaldo rischia 7 anni di carcere

Presunta evasione fiscale, Cristiano Ronaldo rischia 7 anni di carcere
© ANSA

Il fuoriclasse è stato convocato oggi dal giudice per rispondere sulla presunta evasione fiscale: «Se non mi chiamassi Ronaldo non sarei qui»

Sullo stesso argomento

 

lunedì 31 luglio 2017 10:49

ROMA - È il giorno della convocazione, e non in nazionale, per Cristiano Ronaldo, che dovrà apparire davanti al giudice istruttore del Tribunale di Pozuelo de Alarcon, nella periferia di Madrid. Il fuoriclasse portoghese del Real Madrid è imputato per presunta evasione fiscale per 14,7 milioni di euro e sarà interrogato sulle accuse che gli sono mosse. Secondo la Procura, il Pallone d'oro avrebbe nascosto al fisco spagnolo introiti pubblicitari per 150 milioni di euro, attraverso aziende paravento nel paradiso fiscale delle Isole Vergini Britanniche fra il 2011 e il 2014. Se sarà formalmente incriminato e sottoposto a processo, Ronaldo rischia una condanna fra 21 mesi e 7 anni di carcere.

Il Barcellona batte il Real Madrid e fa sua la International Champions Cup

"SE NON MI CHIAMASSI RONALDO..." - «Non ho mai nascosto nulla, né avuto mai l'intenzione di evadere imposte. Se non mi chiamassi Cristiano Ronaldo, non sarei qui. Tutto questo succede perché io sono Cristiano Ronaldo. Mai ho nascosto nulla né ho mai avuto intenzione di evadere le tasse - la difesa di CR7 - Il fisco spagnolo conosce nel dettaglio tutte le mie entrate perche' ho sempre dichiarato tutto e chi mi conosce sa quello che chiedo ai miei consulenti: che venga pagato tutto perché non voglio problemi. È il momento di lasciar lavorare la magistratura. Credo nella giustizia e spero che anche stavolta ci sia una decisione corretta»

ANCHE MENDES - Giornataccia anche per l'agente di CR7, Jorge Mendes. È infatti finito nel mirino degli inquirenti portoghesi, stando a quanto riporta il 'Correio de Manha', perché la polizia giudiziaria starebbe indagando su tutti i trasferimenti riconducibili a luinegli ultimi 4 anni. Si tratterebbe di una verifica preventiva volta ad appurare se ci siano state operazioni in cui si possa essere configurato il reato di riciclaggio. Mendes sarebbe anche sotto indagine da parte del fisco.

Articoli correlati

Commenti