Squadre da leggenda: la Danimarca campione d'Europa 1992
Il Cuoio
0

Squadre da leggenda: la Danimarca campione d'Europa 1992

Non dovevano nemmeno partecipare al torneo, ma Schmeichel e compagni alla fine alzano il trofeo battendo ogni pronostico

La maggior parte del pubblico e degli appassionati di questo fantastico sport preferirà sempre Davide a Golia. Squadre che riescono ad andare oltre il pronostico hanno raccolto e raccoglieranno sempre più consenso delle favorite di turno. La storia che raccontiamo inizia nel 1991, quando sono nel pieno svolgimento le qualificazioni agli Europei di calcio di Svezia '92. La Nazionale danese è costretta a lasciare sul campo le speranze di partecipare al torneo. Nel gruppo 4 c'è una squadra sulla carta più forte e talentuosa, è la Jugoslavia di Boban, Savicevic, Boksic e Suker. Malgrado il “Brasile d'Europa” fosse molto più accreditato si piazza solo un punto sopra ai danesi. Nel frattempo in Jugoslavia il conflitto che da anni scuote le varie etnie slave che Tito era riuscito a placare durante la sua dittatura, dopo la sua morte, si è pian piano trasformato in guerra. Un unico Paese si sta dividendo per lasciare spazio a tanti piccoli stati. La Fifa non può quindi far partecipare la Jugoslavia agli Europei. Nella tragedia, a goderne è la Danimarca, seconda nel girone di qualificazione e quindi prima ad avere il diritto di partecipare al torneo.

SENZA PREAVVISO. La Danimarca “all'ultimo minuto” è l'ottava squadra che chiude il cerchio delle partecipanti. L'euforia viene subito frenata dall'annuncio del capitano e stella del Barcellona: Michael Laudrup decide di non volare in Svezia perchè ritiene che il catenaccio del coach  Richard Moller-Nielsen non sia consono alle sue caratteristiche perfettamente espresse nel Barca di Johan Cruijff con cui ha da poco vinto la Coppa dei Campioni. Senza Laudrup l'11 danese è ancora più “operaio”, ma può contare su un portiere da poco passato alla corte di Sir Alex Ferguson: è un biondo dotato di un talento infinito e si chiama Peter Schmeichel.

IL TORNEO. Ai nastri di partenza dell’Europeo due gironi da quattro squadre. Il gruppo A è composto dai padroni di casa della Svezia, dalla Francia, dall'Inghilterra e dalla ripescata Danimarca. Nel gruppo B ci sono Olanda, Germania, Scozia e la CSI (Nazionale di calcio della comunità degli stati indipendenti, nata dopo lo scioglimento dell'URSS). La “Danske Dynamite” (Dinamite Danese) gioca la sua gara d'esordio contro gli inglesi: ne esce uno 0-0 che sta stretto ai danesi dopo la traversa colpita da John Jensen. Nell'altra gara un altro pari tra Francia e Svezia. Nel secondo turno Les Bleus pareggiano con i Three Lions mentre Schmeichel e compagni devono arrendersi ai padroni di casa svedesi. Nella terza giornata la Svezia batte l'Inghilterra, Lineker e compagni vanno a casa; la Danimarca si gioca il tutto per tutto contro la Francia. Henrik Larsen apre le marcature a inizio gara, il francese Papin pareggia al 60esimo. Lars Elstrup entra dalla panchina e, a 12 dal termine, segna il 2-1. La Danimarca si qualifica per la semifinale.

DAVIDE CONTRO GOLIA ATTO I. Dall'altra parte, come da pronostico, passano Olanda e Germania. Per i danesi adesso è dura, devono giocarsi la finale contro gli Oranje di Koeman, Bergkamp, Rijkaard, Gullit e van Basten. È ancora Larsen a stappare la semifinale con un colpo di testa, il vantaggio però dura poco perché Dennis Bergkamp, al 26', la mette nell'angolino. La Danimarca non ci sta e grazie al suo centrocampista passa ancora avanti: doppietta personale per il giocatore di proprietà del Pisa e il sogno continua. Al minuto 86, quando sembra quasi fatta, Rijkaard pareggia su azione d'angolo. Si va ai supplementari e Schmeichel chiude ancora la porta: l'epilogo è scontato, calci di rigore. Dagli undici metri segnano quasi tutti, 9 rigori su 10 vanno a segno, è decisivo l'unico errore d'autore: il portierone dello United para il penalty di Marco van Basten. Davide batte Golia.

DAVIDE CONTRO GOLIA ATTO II. Tra la gioia incontenibile di un intero Paese e con tutto il mondo che fa il tifo per loro, i danesi si trovano di fronte ad un altro “Golia”. La finale si gioca il 26 giugno a Goteborg, gli avversari sono i tedeschi campioni del mondo in carica. La favola non può finire, Cenerentola deve sposare il principe azzurro, e così sarà. La Germania inizia forte, aggredisce gli uomini di Moller-Nielsen e si infrange sul muro Schmeichel, decisivo sul terzino Reuter. Sotto gli occhi di Beckenbauer, che in tribuna parlotta con Pelé, al 18' la Danimarca passa. Povlsen dalla destra serve Jensen, il suo non è un tiro, ma un bolide che spacca la porta. La reazione immediata è affidata a Jurgen Klinsmann, il diagonale dell'attaccante viene miracolosamente ancora deviato in angolo da Peter Schmeichel. Nel secondo tempo la Germania si tuffa in avanti assediando con veemenza l'area avversaria, ma la Danske Dynamite ha un portiere che vola. A 12 dal termine succede l'incredibile: palla a Vilfort, dribbling in un fazzoletto e rasoterra di sinistro, un bacino al palo e palla in rete. Sembra un film ma è la realtà, proprio Kim Vilfort che sta alternando la magia della competizione alla tristezza nella sua vita privata –  la figlia è malata di leucemia e lui, da inizio Europeo, dopo ogni partita, torna a casa per accudirla – segna il 2-0, decretando la Danimarca campione. La squadra ripescata, che non doveva nemmeno partecipare all'Europeo si aggiudica la Coppa. 

 

Visualizza questo post su Instagram

Con le qualificazioni di Euro 2020 alle porte, omaggiamo Peter Schmeichel, portiere della Danimarca, nazionale da favola che salì sul tetto d'Europa nel 1992. La “Danske Dynamite” (Dinamite Danese) partecipò a quel torneo “all'ultimo minuto” prendendo il posto dell'esclusa Jugoslavia. Quella squadra da leggenda ebbe la meglio in semifinale sull'Olanda di Gullit, Koeman, Bergkamp, Rijkaard e van Basten mentre in finale sconfisse i campioni del mondo in carica della Germania. #amodonostro #ilcuoio #schmeichel #euro1992 #euro2020 #peterschmeichel #football #legend #soccer #story #anni90 #vintage #danimarca #denmark #danskedynamite #danmark #premierleague#manchester #manchesterunited #photography #graphic #jugoslavia #siralexferguson #ferguson #fifa #uefa #calcio #tbt #amarcord

Un post condiviso da Il Cuoio (@ilcuoio) in data:

Vedi tutte le news di Il Cuoio

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti