Corriere dello Sport

Europa League

Vedi Tutte
Europa League

Conte: «Applausi a Juve, Napoli e Fiorentina»

© Getty Images

Il ct a Catanzaro per un'iniziativa antirazzista: «Che vadano più avanti possibile»

 

venerdì 17 aprile 2015 19:33

CATANZARO - «Fate un bell'applauso benaugurante alle squadre italiane impegnate nelle Coppe europee. Alla Juve in Champions e a Napoli e Fiorentina in Europa League: un applauso che le porti più avanti possibile». È l'esortazione fatta da Antonio Conte ai ragazzi delle squadre giovanili che si sono ritrovati all'auditorium Casalinuovo di Catanzaro per assistere al talk show del progetto sull'integrazione "Razzisti? Una brutta razza (e non li vogliamo allo stadio!)", varato dalla Commissione Figc per la lotta al razzismo coordinata da Fiona May. «Il pubblico è il dodicesimo uomo in campo quando fa il tifo per la propria squadra e non contro qualcuno. Un giocatore quando sente insultare gli avversari dai propri tifosi si vergogna», il messaggio lanciato dal ct. Conte ha sottolineato il ruolo fondamentale della famiglia e della scuola per trasmettere «Valori fondamentali quali il rispetto e l'educazione. Quando in partite tra ragazzi sono gli adulti dagli spalti ad insultare, che messaggio possono dare?». Quindi un invito ai giovani in platea: «continuate sempre a sognare perché bisogna avere un sogno per ottenere risultati».

ALL'ITALIA HO LASCIATO CROCIATO E CAVIGLIA - «Alla Nazionale ho pagato dazio con un crociato rotto e la frattura della caviglia. Ma va bene così. Giocare in Azzurro è il sogno di tutti». A dirlo, il ct della Nazionale. È stato Antonello Piroso, conduttore del talk show, a ricordare a Conte il brutto intervento subito ad opera del giocatore romeno Hagi in occasione di una gara dell'Europeo del 2000. «Perdevano 2-0 - ha ricordato Conte - e quello fu un fallo di frustrazione che mi fratturò la caviglia. Da allora non ho più visto Hagi».

L'INIZIATIVA DEL KOA BOSCO - Oltre a Conte e Fiona May, il palco del Casalinuovo ha visto una presenza particolare e significativa proprio per il messaggio che vuole lanciare: i giocatori del Koa Bosco, squadra interamente costituita da giovani migranti africani, molti dei quali giunti in Italia a bordo dei barconi della speranza, e riuniti nella tendopoli di San Ferdinando. Una squadra nata dalla volontà di un sacerdote come sfida di integrazione concreta. Sfida raccolta dalla Figc che ha voluto lanciare un messaggio agli sportivi dopo che i giovani migranti, in alcune gare della terza categoria dove militano, sono stati fatti oggetto di offese razziali. Con loro l'allenatore Domenico Mammoliti e il direttore generale Domenico Bagalà ed i calciatori del Catanzaro (Lega Pro) Domenico Giampà e David Yeboah. Quest'ultimo è arrivato al calcio professionistico dopo essere stato notato sul lungomare di Castellamare di Stabia dopo essere arrivato nel nostro Paese a bordo di un barcone. Durante il talk show sono stati espressi concetti semplici quali "il razzismo è un frutto amaro dell'ignoranza", "la paura del diverso è figlia di esempi sbagliati e di mancanza di cultura", "nessuno nasce razzista, ci si diventa", per spiegare ai giovani perchè bisogna dire no al razzismo. Concetti accompagnati da trailer di film, musica e l'intervento comico di Enzo Colacino.

Per Approfondire