Corriere dello Sport

Italia

Vedi Tutte
Italia

Totoct Italia, Cannavaro si propone per la panchina

Totoct Italia, Cannavaro si propone per la panchina
© LaPresse/Spada

L'ex campione del mondo lancia la propria candidatura: «Chi non allenerebbe la Nazionale...»

Sullo stesso argomento

di Andrea Santoni

mercoledì 23 marzo 2016 10:03

FIRENZE - A dopo Conte ufficialmente aperto, sulla Federazione non piovono solo distinguo, o “no, grazie”, oppure “grazie, però..“ ma c’è anche chi alza la mano per far presente di sentirsi pronto per una sfida tanto importante come quella di diventare ct. Tocca a Fabio Cannavaro, 42 anni, ribadire a Sky Sport, un concetto già espresso in tempi più o meno sospetti.

L’ex capitano campione del mondo e pallone d’oro 2006, una carriera da allenatore con inizi internazionali esotici (in Cina nel Guangzhou del dopo Lippi, poi recentemente a Riad nel Al-Nassr) gioca a carte scoperte le sue chance: «Chi non allenerebbe la Nazionale... Conosco bene quell’ambiente, ci sono stato 15 anni». Detto questo la strada azzurra è in salita anche per lui: «So che è difficile, basta vedere quel che accade adesso, pur avendo in panchina il migliore tra i nostri tecnici: stiamo pagando gli anni senza investimenti nei settori giovanili e sicuramente la nostra Nazionale non è più quella del 2006 o prima; penso comunque che ci sono alcuni elementi interessanti e alla fine questa squadra potrà far bene. Vincere l’Europeo non lo so, ma far bene sì perché Antonio è un allenatore che trasmette tanta grinta, tanta voglia, ha delle idee importanti. Però è difficile».

ESPERIENZA - La vera difficoltà per Cannavaro è un’altra: «Quando si dice a uno che è nel calcio da 30 anni: “non ha esperienza!“. Ecco, faccio fatica a capire. Il calcio è quello. A Guardiola non hanno detto che non aveva esperienza... lui aveva Messi, Eto’o, Ronaldinho, lì non c’è bisogno... tranne se vai male, allora ti dicono che non hai esperienza». Tavecchio intanto prende nota: senza aver ancora rinunciato all’ipotesi Donadoni, segue l’evolversi di certe situazioni inglesi, di quelle di Torino, Genova, Roma, senza dimenticare quelle federali, a cui aggiungere il possibile incarico a Lippi come dt.

ITALIA, NESSUNO PRENDE LA NUMERO 10. NON CI SONO PIÙ I BAGGIO E I TOTTI DI UNA VOLTA

SAPUTO: «DONADONI RESTA AL BOLOGNA»

CONTE, MA CHE DICI? LA NAZIONALE MERITA RISPETTO

Articoli correlati

Commenti