Pagelle Italia-Argentina: Bonucci molle, Jorginho spento. Di Maria show e Messi delizia

Per gli azzurri c'è tanto o quasi tutto da ricostruire. Dentro l'Albiceleste c’è tutto: qualità tecniche, cattiveria, organizzazione tattica
Pagelle Italia-Argentina: Bonucci molle, Jorginho spento. Di Maria show e Messi delizia
3 min
Fabrizio Patania
TagsItaliaargentina

Pagelle Italia

Ct Mancini 5

Provate a togliere Verratti, Berardi, Chiesa, Chiellini, Spinazzola (appena rientrato) e persino il discusso Immobile: cosa resta del calcio italiano? C’è tanto o quasi tutto da ricostruire. La differenza di livello con l’Argentina ci invita a riflettere sul senso dell’impresa compiuta a Wembley l’anno scorso.  

 
Donnarumma 6 
Non può evitare il gol di Lautaro. Esce in ritardo su Di Maria, lanciato per il raddoppio. E’ un errore, ma poi scongiura l’autorete di Bonucci, respinge due volte Di Maria e un’altra Messi, contenendo le dimensioni della disfatta prima del tris di Dybala. 
 
Di Lorenzo 5,5 
Va incontro a Messi e non riesce a tenerlo nell’azione che spacca la Finalissima. Quando esce Chiello, scala al centro in coppia con Bonucci. Anche dentro il tracollo, dimostra concretezza. 
 
Bonucci 4 
La gomitata a Messi gli costa il giallo e poi lo condiziona, perché è troppo morbido su Lautaro, che lo aggira e manda in porta Di Maria. Rischia l’autogol, non solo il rosso. Il ritorno a Wembley è un incubo. 
 
Chiellini 6 
Gioca d’anticipo, di posizione e di mestiere. Lo sprint di Di Maria in velocità lo beffa a un sospiro dall’intervallo, quando chiude un’epopea azzurra lunga diciotto anni e 117 presenze. Chapeu alla carriera. Giorgione ci mancherà. 
 
Lazzari (1’ st) 5 
La costruzione a tre gli consente di assumere una posizione avanzata. Mai in partita. 
 
Emerson 5,5 
Nel discreto avvio azzurro si propone e qualcosa combina. Dietro rischia troppo in palleggio. 
 
Bastoni (32’ st) sv 
 

Pessina 5 
Non trova mai la posizione. 
 
Spinazzola (18’ st) 6 
Torna in azzurro undici mesi dopo il ko di Monaco di Baviera. Gli manca il passo, è normale.  
 
Jorginho 4 
Lento, involuto. Sbaglia diversi palloni, altri ne perde. Travolto, in bambola completa, scoppiato dal punto di vista atletico. Serve riposo. 
 
Barella 6

Mezz’ora in cui, da solo, regge il centrocampo azzurro. E’ uno dei pochi top su cui contare per il futuro. 
 
Bernardeschi 5 

Tagliafico gli sbarra la strada, tende ad accentrarsi, crea poco, spesso viene anticipato. 
 
Locatelli (1’ st) 5 

Dovrebbe aggiungere consistenza e dare un appoggio a Jorginho, ma non ci riesce. 

Belotti 5 

Romero e Otamendi non faticano a controllarlo.

Scamacca (1’ st) 5,5  

Appena meglio del Gallo. Fallisce, in posizione di fuorigioco, un’occasione facile.  
 
Raspadori 5,5 

L’unico, appena salvabile, del tridente. Defilato a sinistra, come nel Sassuolo, mostra buone qualità di palleggio ma non la stessa incisività. Qualche segnale.

Grande Argentina a Wembley: Lautaro, Di Maria e Dybala, Italia ko
Guarda la gallery
Grande Argentina a Wembley: Lautaro, Di Maria e Dybala, Italia ko

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti