Corriere dello Sport

Lega Pro, Serie D

Vedi Tutte
Lega Pro, Serie D

Lega Pro, l'UnicusanoFondi si prende i play off

Lega Pro, l'UnicusanoFondi si prende i play off

La squadra dell'Università Niccolò Cusano centra i play off. Soddisfazione enorme per il club della ricerca scientifica italiana

Sullo stesso argomento

 

lunedì 8 maggio 2017 12:16

L'UnicusanoFondi ce l'ha fatta. Grande gioia in casa accademica. Il club dell'Università Niccolò Cusano ha conquistato i play off battendo il Catanzaro per 2-1 nel corso dell'ultimo match del girone di Lega Pro. Risultato eccellente per la squadra della ricerca scientifica italiana. 

UNICUSANOFONDI AI PLAY OFF. IL PRESIDENTE RANUCCI FELICE.  Grande soddisfazione per Stefano Ranucci, presidente dell’UnicusanoFondi, il club dell'Università Niccolò Cusano,intervenuto al termine della gara ai microfoni di Radio Cusano Campus (89.1 in Fm a Roma e nel Lazio, in streaming su www.radiocusanocampus. it): «Abbiamo raggiunto un traguardo incredibile. Avevamo perso dei punti per strada durante il campionato che ci avrebbero fatto comodo con il Catanzaro per affrontare con maggiore tranquillità questa partita di Lega Pro. Per fortuna, però, non sono non sono stati decisivi oggi. La partita è stata molto tesa perché l’avversario aveva bisogno dei tre punti, abbiamo sfiorato la goleada e poi corso il rischio di pareggiarla. Forse, abbiamo peccato un po' di individualismo. Questa esperienza ci può servire per crescere ancora: dobbiamo essere più cinici. Complimenti a tutti i giocatori, però, perché quando decidono di giocare nel loro modo, lo fanno con tanta qualità».

CON LA TESTA GIA' A FRANCAVILLA. Ora c’è la Virtus Francavilla, che l’anno scorso aveva vinto proprio il girone H della serie D, lo stesso dell’UnicusanoFondi guadagnandosi l'accesso in Lega Pro: «Non è un cliente semplice – ammette Ranucci - È una squadra tosta, che non ti fa giocare la palla. In più, il loro terreno di gioco è molto duro. Poi hanno il vantaggio di avere a disposizione due risultati utili su tre, perché noi siamo costretti a vincere per andare avanti. È una situazione che ricorda quella dei play off dell’anno scorso a Taranto, in cui avevamo l’obbligo di vincere e nostri avversari sembravano favoriti. E invece…».

MISTER POCHESCI. Grande soddisfazione anche per Sandro Pochesci, guida tecnica della squadra della ricerca scientifica italiana: «È un risultato straordinario e inaspettato – ha dichiarato il mister dell'UnicusanoFondi - Guardando il nostro percorso, avremmo potuto chiudere tre o quattro posizioni più avanti: abbiamo sbagliato qualcosa a marzo, perso diversi punti negli ultimi minuti, pagato infortuni pesanti, su tutti quelli di Mucciante e Bombagi. Ma i ragazzi hanno dato sempre il massimo, e a loro va tutto il mio grazie, in particolare a chi ha giocato meno". Mister Pochesci pensa già al prossimo match, che opporrà l'UnicusanoFondi alla Virtus Francavilla: "Hanno vinto il nostro girone nella scorsa serie D, e in questa ci hanno lasciato solo un punto al Purificato. È un’ottima squadra con grande allenatore: i pronostici sono tutti per loro. Ma i pronostici sono fatti per essere ribaltati e da oggi si azzera tutto. Siamo arrivati fin qui perché c’è stato un ottimo lavoro da parte di tutti, dal patron al presidente, dai dirigenti alla rosa, ai tecnici fino ai tifosi. E ora che abbiamo centrato i play off, vogliamo giocarci tutte le noSandro Pochesci, allenatore dell’UnicusanoFondi stre carte».

SOLIDARIETA'. Ieri l’UnicusanoFondi, club calcistico dell’Università Niccolò Cusano, è sceso in campo nell’ultima giornata della regular season della Lega Pro portando come sempre con sé un messaggio di sensibilizzazione, quello legato alla Giornata mondiale del tumore ovarico. L’evento internazionale si tiene proprio oggi all’insegna dell’informazione per la patologia che purtroppo viene spesso diagnosticata in fase avanzata. Per seguire e sostenere la Giornata e tutte le iniziative legate alla patologia nel corso dell’anno, si può visitare il sito di Acto Onlus (actoonlus.com), l’Alleanza contro il tumore ovarico.

Articoli correlati

Commenti