La D ha scelto: il campionato prosegue

Su 166 società il 74% ha scelto di continuare. Quarantatré club per lo stop temporaneo

di Biagio Angrisani

ROMA - La Serie D ha votato: il campionato prosegue. Centoventitré (pari 74%) club hanno scelto di continuare. Quarantatré società si sono espresse per lo stop temporaneo. Scattato il quorum. L'attività prosegue con il protocollo federale adottato sinora e senza modifica. Sono affluiti voti da tutte le regioni d’Italia. Il referendum  ha chiamato al voto le 166 società del Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti. Sospendere il campionato nazionale di Serie D sino al 24 novembre o proseguire con l’autorizzazione alle società per la trasmissione delle gare in diretta, in modalità live streaming sui propri canali web e social ufficiali, per il periodo in cui sono previste le porte chiuse.

PERCHE’ SI È VOTATO. Il recente DPCM ha previsto tra le attività sportive consentite il Campionato Nazionale di Serie D prevedendo, al contempo, che le gare vengano disputate a porte chiuse e in assenza di pubblico. Il Consiglio del Dipartimento Interregionale LND, d’intesa con il Presidente Cosimo Sibilia, a partire dalle gare in calendario per la  prossima giornata, concederà a tutte le Società interessate l’autorizzazione a trasmettere, in deroga al C.U. n.19 del 15.9.2020 (Acquisto Diritti Audio Video) e alla Circolare n. 23 della LND, limitatamente al periodo in cui saranno previste le porte chiuse, in modalità live streaming, tutte le gare interne ed esterne sui propri canali web e social ufficiali, secondo le modalità che successivamente saranno indicate, fatti salvi tutti i diritti acquisiti dalle Emittenti televisive che ad oggi hanno acquistato i pacchetti. Il Dipartimento Interregionale ha così richiesto a ogni singola società di esprimersi valutando due ipotesi alternative, con una consultazione che può consentire di maturare una decisione condivisa:

IPOTESI A   Prosecuzione del Campionato nel rispetto delle disposizioni del DPCM del 24 ottobre con autorizzazione alle Società alla trasmissione delle gare in diretta, in modalità live streaming sui propri canali web e social ufficiali, per il periodo in cui sono previste le porte chiuse.

IPOTESI B Sospensione dell’attività fino al 24 Novembre, data della scadenza del DPCM del 24 ottobre, salvo ulteriori e diversi provvedimenti che dovessero essere adottati.

IL VOTO - La consultazione è stata regolamentata con questi criteri: A) Quorum minimo delle Società votanti, non inferiore al 75% (125 su 166 club). B) Per l’ipotesi indicata sub B, trattandosi di una decisione in deroga al DPCM, è richiesta una maggioranza qualificata dei 2/3 delle società (111 su 166). 

Commenti