Raiola: "Maradona non accettò le lusinghe della Juve. Fu la vittoria più grande"

Il ricordo di Diego da parte del manager: "Sogno di trovare giocatori con la sua personalità"
Raiola: "Maradona non accettò le lusinghe della Juve. Fu la vittoria più grande"

ROMA - Anche Mino Raiola ha lasciato il suo messaggio per ricordare Diego Armando Maradona. Un campione che ha significato moltissimo per la sua vita: "Per me Maradona è qualcosa di diverso perché come sapete la mia famiglia è di Napoli e lo abbiamo vissuto in maniera diversa. Ci ha ridato la dignità, ci ha fatto essere orgogliosi di essere napoletani e ci ha fatto contare qualcosa. Ci ha dato dei valori non solo nel calcio, ma nella vita. Non accettò le lusinghe della Juventus e per noi questo è stato più importante delle vittorie. Lui è stato un personaggio unico in campo e fuori dal campo".

Maradona, il flash mob dai balconi di Napoli
Guarda la gallery
Maradona, il flash mob dai balconi di Napoli

Raiola ricorda Maradona

Raiola ha poi proseguito il ricordo del Diez: "La penso diversamente rispetto all'opinione che molti avevano di lui fuori dal campo. È stato un uomo libero di vivere come voleva lui, senza cercare conferme dagli altri. Per me è stato il miglior giocatore della storia del calcio senza dubbio, anche considerando i giocatori in attività. Come agente sogno di trovare uomini con la sua personalità, non parlo di giocatori". 

Commenti