Corriere dello Sport

Gironi mondiali

Vedi Tutte
Gironi mondiali

Mondiali, Giuseppe Rossi e Destro Prandelli conferma tutto

Il ct della Nazionale in conferenza stampa parla dei casi legati ai due attaccanti di Fiorentina e Roma

 

martedì 3 giugno 2014 22:19

ROMA - Cesare Prandelli in conferenza stampa alla vigilia della sfida con il Lussemburgo ha confermato tutte le anticipazioni del Corriere dello Sport-Stadio degli ultimi due giorni sui casi Giuseppe Rossi e Destro. 

GIUSEPPE ROSSI - "Non mi aspettavo le reazioni di Giuseppe Rossi. Sono qui per chiarire, visto che quelle parole mi hanno messo in difficoltà. Mi sono incontrato con lui, gli ho spiegato da tempo che aveva fatto pochi minuti dopo l'infortunio. Sono andato da lui il 7 maggio per dirgli che non era tra i 30 e lui mi ha detto 'Ti sorprenderò'. Poi però gli ho ripetuto che non era tra i 23, è stata una decisione sofferta per me perché lui è un ragazzo straordinario. Non ho avuto il coraggio di essere forte, ho accettato la sua sfida ma più volte gli ho ripetuto che non era tra i 23. Volevo vedere qualcosa di più in campo contro l'Irlanda, gesti che un giocatore fa dopo che ha subito un trauma". "Non me la sono sentita di prendere un rischio così grande, anche per rispetto nei confronti della Fiorentina e dei suoi tifosi. Po però mi sono meravigliato delle sue parole, le cose erano chiare".

DESTRO - "Gli ho chiesto se era disponibile a fare la riserva, lui mi ha detto 'Ci penso'. Poi ho incontrato di nuovo il ragazzo insieme al mio vice Pin, non per avere un testimone ma per avere qualcuno che sentisse con me, e gli ho detto di darmi la mail per inviargli il programma da seguire come riserva, perché lui fino al 13 giugno è a disposizione della Nazionale. E lui ha risposto “Questo va bene”. Ecco, questo è tutto, non voglio dare giudizi”.


Per Approfondire