MONDIALI 2018

Mondiali 2018

Vedi Tutte
Mondiali 2018

Argentina, Messi: «Sconfitta del 2014 ferita che non si rimarginerà mai»

Argentina, Messi: «Sconfitta del 2014 ferita che non si rimarginerà mai»
© EPA

La stella del Barça al sito della Fifa: «Non so come avrei reagito senza qualificazione»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 13 dicembre 2017 14:13

 ROMA - Non poteva esserci un Mondiale senza Lionel Messi. Sarà senza l'Italia, senza l'Olanda e senza il Cile, non è poco, ma non poteva mancare anche il calciatore più forte del mondo. L'Argentina si è qualificata soffrendo, ma alla fine ha staccato il pass e adesso si propone come una delle favorite per la kermesse iridata russa. In un'intervista rilasciata al sito della Fifa, il numero 10 dell'Albiceleste parla delle avversarie del gruppo D, dell'Islanda («può sembrare facile, ma sono duri e ordinati in difesa»), della Croazia («ti lascia giocare di più, ma ha grandi giocatori») e della Nigeria («sono imprevedibili») e di un'Argentina che arriva al Mondiale «in buone condizioni, in crescita. Abbiamo avuto un momento difficile nelle qualificazioni, non lo meritavamo perché certe partite, come quelle con il Venezuela e il Perù, meritavamo di vincerle e alla fine ci siamo dovuti giocare tutto con l'Ecuador con un allenatore, Sampaoli, che era con noi da appena 4 partite. Abbiamo accumulato tensioni e timori, adesso sarà tutto diverso. Le eliminatorie sudamericane sono molto difficili, lo dimostra la mancata qualificazione del Cile».

L'Argentina si presenta in Russia da vice-campione del mondo, visto che nel 2014, in Brasile, ha perso la finale con la Germania: «Una ferita che non si chiuderà mai, credo che bisognerà convivere con quel ricordo molto chiaro e altrettanto amaro». E se lui non avesse fatto magie contro l'Ecuador, l'amarezza del popolo argentino sarebbe stata ancora piu' grande. «Sarebbe stato un colpo molto duro per tutti, in primis per noi giocatori e per me, non so come avrei reagito, ma la stessa cosa vale per gli argentini, restare fuori sarebbe stato uno dei momenti storici peggiori per il Paese. Non so se è stata la mia partita migliore, ma so che è stata molto importante e che è stato bello vincere». Subito dopo quella partita e la qualificazione, il ct dell'Albiceleste, Jorge Sampaoli, disse che il calcio deve un Mondiale a Messi. «Sì ho sentito, lo ha detto anche a me. Cosa penso? Spero che il calcio paghi il suo debito». La Fifa prende la palla al balzo e propone un gioco a Messi, completare la seguente frase: "Nel 2018 Messi sarà..". «Papà per la terza volta», risponde con un dribbling il fuoriclasse del Barcellona che, a 30 anni, si guarda dentro e indietro e dice: «posso dire che sono felice sia per la vita privata, visto che presto nascera' il mio terzo figlio, sia per quella professionale. Sono cresciuto anche calcisticamente, con il passar degli anni si migliora». (in collaborazione con ItalPress)

Articoli correlati

Commenti