MONDIALI 2018

Mondiali 2018

Vedi Tutte
Mondiali 2018

Neymar esalta Salah: «Grande giocatore, può fare la differenza al Mondiale»

Neymar esalta Salah: «Grande giocatore, può fare la differenza al Mondiale»

L'attaccante brasiliano delinea le favorite di Russia 2018: «Brasile, Germania, Francia, Spagna e Argentina»

 

giovedì 21 dicembre 2017 12:06

ROMA - «Le squadre più conosciute come al solito saranno le favorite: Brasile, Germania, Francia, Spagna e Argentina». Neymar fa le carte al Mondiale e dimostra di conoscere anche le nazionali meno tradizionali: «La sorpresa per me sarà il Belgio che è un'ottima squadra e può essere la rivelazione in Russia». Quando poi si tratta di fare un nome di un giocatore Neymar non ha dubbi: «Salah è un grande giocatore e farà la differenza al Mondiale».

CONFRONTO CON IL 2014 - Neymar pensa di poter incidere molto di più rispetto al Mondiale 2014: «E' difficile spiegare che differenza c'è rispetto a 4 anni fa ma di sicuro sono molto più esperto. Ho avuto molto esperienze, ho giocato una Coppa del Mondo che abbiamo perso e quindi penso di essere più preparato per la prossima perché adesso so cosa vuol dire giocare una competizione del genere. quindi possiamo dire che il Neymar del 2018 è meglio del Neymar del 2014».

AVVERTIMENTO AL REAL - Il Paris Saint Germain vuole lo scalpo blanco. A febbraio torna la Champions e l'ottavo più atteso è quello che mettera' di fronte il Real Madrid campione in tre delle ultime quattro edizioni e il Psg di Neymar e Mbappè. «Sappiamo che sarà un confronto complicato - riconosce l'ex Barcellona - Affronteremo una squadra che gioca assieme da anni e che punta a vincere ancora ma possiamo batterla, possiamo fare la storia.Siamo qui per questo, per giocare a calcio, e faremo di tutto per vincere». Eliminare il Real sarebbe una bella spinta in una competizione dove il Psg non è mai andato oltre i quarti con Neymar che punta anche a detronizzare Ronaldo e Messi interrompendo il loro duopolio nel Pallone d'Oro. «Ma è difficile - precisa - Non dipende solo da me ma anche dai miei compagni e da quello che vinceremo. È chiaro che anche i Mondiali saranno molto importanti ma penso solo a fare bene per vincere con la squadra, gli obiettivi personali vengono dopo».

 

Articoli correlati

Commenti